menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Sanità di Parma vicina al collasso: serve risposta straordinaria"

Appello di FP CGIL e CISL FP locali: la tempestività è l'unica arma che abbiamo. Subito nuove risorse e personale

"Niente giri di parole - si legge in una nota di FP CGIL e CISL FP locali: il sistema sanitario parmense è vicino al collasso e ha bisogno di un aiuto immediato.  Serve subito prendere una decisione, da parte degli organismi competenti, Regione in primis, per dare una risposta straordinaria ad un'emergenza pandemica in cui la tempestività è l'unica arma che abbiamo a disposizione.
 
Nessuno era preparato a rispondere a questa situazione e si sta facendo l'impossibile. Riconosciamo alle due Aziende sanitarie locali e a tutti i professionisti di avere risposto con la massima abnegazione e competenza ad una situazione senza precedenti, ma i numeri dei ricoverati e dei decessi non diminuiscono e gli operatori sono allo stremo.
 
Tutto il personale, medico e paramedico, ringrazia per la solidarietà ma adesso chiede fatti concreti.
Occorre dare risposte immediate, in termini di personale e dispositivi alle strutture ospedaliere e a quelle per anziani. Occorre ridurre i turni degli operatori perchè indossare i dispositivi necessari alla prevenzione del contagio per 8 ore è massacrante e alla lunga insostenibile. Occorrono assunzioni a tempo indeterminato perchè le altre regioni stanno chiamando a tempo indeterminato e la nostra regione non può rispondere con contratti a 12 mesi come sostiene qualche tecnico. Occorre garantire la sicurezza degli operatori e dei loro familiari, ad esempio prevedendo la possibilità di riposare in alloggi temporanei per non essere costretti a tornare a casa e proteggere così i propri cari. Occorrono risposte veloci sui tamponi per tornare a ricoprire il turno. I lavoratori della sanità sono consapevoli di essere in questo momento soldati che stanno combattendo una guerra, ma proprio per questo vanno tutelati, risparmiando loro la preoccupazione di non poter dare a breve risposte ai cittadini.

 
A Parma il tempo è il principale nemico: come il terremoto ha richiesto misure straordinarie, imponendo l'intervento della Protezione Civile, anche questa epidemia richiede interventi straordinari con azioni mirate sulla gestione dei pazienti a livello regionale. Quello della Funzione Pubblica CGIL e della CISL Funzione Pubblica vuole essere un appello affinchè questo avvenga subito e al meglio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zone rosse e arancioni per altri due mesi: Parma a rischio

Attualità

Temporali e piene dei fiumi: allerta rossa nel parmense

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 5 morti e 52 nuovi casi

  • Cronaca

    Coronavirus. Nessuna zona "rosso scuro" per l'Emilia-Romagna

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento