"Scuola Anna Frank, la messa in sicurezza deve armonizzarsi con i diritti di studenti, famiglie e lavoratori"

i sindacati FLC CGIL, CISL FSUR e UIL RUA chiedono un incontro urgente all'Amministrazione comunale di Parma

"Da sempre le scriventi organizzazioni sindacali -si legge in una nota firmata da Salvatore Barbera, segretario generale Flc Cgil Parma,  
Maria Gentilini, segretaria generale Fsur Cisl Parma e Piacenza, Gianmarco Negri, segretario generale Uil scuola - sono sensibili ai temi della messa in sicurezza della scuola e attente al rispetto del diritto alla salute degli studenti e del personale scolastico nei luoghi di lavoro della Conoscenza.

I fatti che stanno riguardando la scuola“Anna Frank” e l'istituto comprensivo “Albertelli-Newton” fanno emergere una preoccupante lacerazione fra i soggetti del cosiddetto “patto educativo”, famiglie ed istituzioni pubbliche, che sono chiamate a convergere in modo costruttivo per garantire ai giovani cittadini di fruire del diritto allo studio, all’istruzione ed alla formazione.

La notizia che dovrà ricadere sulle famiglie coinvolte nel trasferimento il costo del trasporto alunni, a cui si aggiungono le rette della mensa e del pre o post scuola, rischia di rendere questo diritto all’istruzione sempre più gravoso per le spalle delle famiglie, già colpite dai fenomeni di recessione economica e dalla persistente perdita di potere d’acquisto dei salari, che hanno negativamente inciso sul reddito delle stesse famiglie.

I costi delle ristrutturazioni, anche su effetti indiretti come il trasporto alunni, devono essere sostenuti dall’Amministrazione, che non può far ricadere sui genitori le conseguenze economiche di una giusta necessità quale la messa in sicurezza degli istituti di Parma.

Parma, si ricorda, sarà Capitale italiana della Cultura 2020: sarebbe paradossale che proprio questa città non trovi i mezzi per sostenere la stessa Cultura, la quale ha nell’istruzione scolastica la propria base.

Pertanto, le scriventi Organizzazioni sindacali FLC CGIL- CISL FSUR e UIL RUA sono a richiedere urgentemente all’amministrazione comunale un incontro nel quale siano esplicitati:

- lo stato complessivo della messa in sicurezza degli edifici scolastici di pertinenza dell’amministrazione comunale;

- informativa sui progetti di intervento per risanamento/adeguamento delle strutture scolastiche di pertinenza;

- informativa sulle ricadute di questi interventi per l’organizzazione del lavoro degli addetti alle istituzioni scolastiche, per le famiglie e gli studenti (a cominciare da ricadute di aspetto economico, quale il costo trasporti).

Le organizzazioni sindacali, nell’ambito di una visione confederale della propria azione, rivolta alla tutela tanto dei lavoratori della scuola che degli studenti e dei cittadini, intendono acquisire gli elementi prima richiesti, al fine di valutare successivamente eventuali azioni da porre in campo sul territorio e nei luoghi di lavoro di propria rappresentanza, invitando pertanto l’Amministrazione comunale ad un confronto aperto e sereno con le parti sociali.

Al contempo, rifuggendo ogni azione meramente strumentale a fini politici o non improntata ad un dialogo utile e costruttivo fra tutte le parti, riconoscendo soprattutto il lavoro e lo sforzo del personale ATA e Docente per garantire agli alunni di queste scuole la continuità di servizi e offerte formative che le hanno sempre contraddistinte, le scriventi organizzazioni sindacali auspicano di giungere quanto prima ad una soluzione che consenta un sereno avvio di anno scolastico, nel pieno rispetto dei ruoli, delle competenze e delle necessità di ognuna delle parti". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dichiarazione dei redditi: dal 1° gennaio 2020 le spese da detrarre non possono essere pagate in contanti

  • Si schianta fuori pista: muore sciatore parmigiano di 39 anni

  • Calendario di Miss Nonna 2020: per il mese di agosto c'è una nonna parmigiana

  • Tragedia in stazione: uomo travolto ed ucciso da un treno

  • Pizzarotti a Salvini: "Ecco il delirio di un uomo, tu non mandi a casa proprio nessuno"

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

Torna su
ParmaToday è in caricamento