rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Attualità

"Scuole d'infanzia, le risorse ci sono ma non si usano"

La Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza: "Il Ministero dell’Istruzione e del Merito, a saldi invariati, per il prossimo anno scolastico può aprire almeno altre due sezioni di Scuola dell’Infanzia Statale nella città di Parma ma sta scegliendo di non farlo"

"Il Ministero dell’Istruzione e del Merito, per il prossimo anno scolastico, può aprire almeno altre due sezioni di Scuola dell’Infanzia Statale nella città di Parma ma sta scegliendo di non farlo". È quanto sostiene con una nota Salvatore Pizzo, coordinatore della Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza. Secondo Pizzo, l’Ufficio Scolastico Territoriale disporrebbe di 8 posti di docente in “esubero” nella scuola dell’infanzia, "ciò a causa del calo demografico in altri comuni - si legge nella nota - per questo per il prossimo anno scolastico saranno assegnati due insegnanti in meno agli Istituti Comprensivi di Fornovo Taro, Noceto e Sissa Trecasali, uno in meno agli Istituti Comprensivi di Bardi e Langhirano, un “tesoretto” che verrà usato per esigenze organizzative che i responsabili tecnici non hanno ben chiarito, risorse che se non si volevano assegnare a Parma potevano comunque essere usate per aprire una sezione di scuola dell’infanzia a Busseto oppure per far transitare nella Scuola Statale gli scolari di una scuola privata a Palanzano, così come richiesto dalle rispettive amministrazioni comunali.

Purtroppo constatiamo che a prescindere dal loro essere “maggioranza” o “minoranza” i rappresentanti parmigiani dei partiti politici nulla fanno affinché il Ministero dell’Istruzione (oggi anche del Merito) aumenti le risorse da destinare alle Scuole dell’Infanzia di Parma, tutti a vario modo protendono per conferire ai privati una funzione, quella dell’Istruzione, che per sua particolare natura è Statale, dichiara Salvatore Pizzo, coordinatore della Gilda degli Insegnanti di Parma e Piacenza: “Attualmente il Ministero dell’Istruzione è retto da un ministro leghista e da un sottosegretario di Fratelli d’Italia, ci rivolgiamo a questi due partiti auspicando che l’attuale gestione non prosegua allo stesso modo della passata gestione a guida Pd”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Scuole d'infanzia, le risorse ci sono ma non si usano"

ParmaToday è in caricamento