rotate-mobile
Attualità

Gli studenti che riqualificano il parco delle Magnolie

L’iniziativa nasce dal progetto La Coscienza di Zeta realizzata da Lactalis per il territorio

Oggi è stato inaugurato con grande entusiasmo l'intervento di riqualificazione del Parco delle Magnolie di Parma, un'importante iniziativa promossa grazie alla collaborazione tra gli studenti dell'Istituto Tecnico Economico G.B. Bodoni e Lactalis Italia. Il Parco, sito in una zona centrale e vivace della città, rappresenta un luogo di incontro e svago per diverse fasce della popolazione, dai giovani alle famiglie con bambini fino agli anziani.

Gli studenti del Bodoni hanno sviluppato un progetto mirato a migliorare l'esperienza di chi frequenta il parco, proponendo l'installazione di nuove panchine per favorire la socializzazione, l'aggiunta di bidoni per la raccolta differenziata al fine di mantenere l'area più pulita e la riqualificazione dell'area giochi per i più piccoli.

All'inaugurazione hanno preso parte rappresentanti istituzionali del Comune di Parma, insieme a Vittorio Fiore, Direttore Comunicazione e Responsabile progetti CSR di Lactalis in Italia, la dirigente dell'Istituto Bodoni Prof.sa Elisabetta Mangi, le studentesse e gli studenti che hanno realizzato il progetto accompagnati dal prof. Matteo Fava.

Daria Jacopozzi Assessora alla Partecipazione, Associazionismo, Quartieri del Comune di Parma ha rimarcato: “Il Comune di Parma sostiene e promuove la nuova cultura dell’Amministrazione Condivisa, per una collaborazione con la cittadinanza informale, operativa e moderna. Nel caso del Parco delle Magnolie, arricchito dai nuovi arredi, assume un particolare valore la collaborazione con l’istituto scolastico e l’impegno di questi giovani studenti che, con il supporto del loro docente, si sono adoperati per accrescere il decoro di uno spazio pubblico e condiviso che favorisce l’aggregazione e rimarrà nel tempo segno tangibile del loro impegno”.

Francesco De Vanna, Assessore ai Lavori Pubblici e Legalità del Comune di Parma, ha dichiarato: "Ringraziamo il gruppo Lactalis per questo gesto concreto di attenzione nei confronti della comunità. Gli spazi verdi e i parchi cittadini sono, soprattutto in questi mesi, luoghi cruciali per la vita degli abitanti della nostra Città, per le attività ricreative, per la pratica sportiva libera o anche soltanto per il tempo libero. Sono, in particolare, spazi democratici nei quali si concretizza l'incontro tra le diverse generazioni nel segno della solidarietà e della condivisione. Grazie a questo Patto di Collaborazione rafforziamo l'identità sociale del Parco delle Magnolie e ne accresciamo il valore per le famiglie e per gli abitanti del quartiere. Ringrazio gli studenti e le studentesse dell'istituto Bodoni per aver accompagnato questo intervento".

La dirigente scolastica Elisabetta Mangi ha ringraziato l’azienda Lactalis sottolineando che “La collaborazione tra il pubblico e il privato, tra le istituzioni e le imprese del territorio è fondamentale per creare un circolo virtuoso che consenta a studentesse e studenti di utilizzare le conoscenze e le competenze acquisite sui banchi per realizzare progetti reali che, come in questo caso, siano di utilità per la comunità. Riqualificare una porzione di un parco a disposizione della collettività significa “agire attivamente” gli obiettivi di sostenibilità previsti dall’Agenda 2030, che è uno dei filoni educativi e didattici su cui l’istituto lavora da sempre.”

“L’esperienza pandemica ha fatto riflettere gli alunni della II D sull’importanza dello stare insieme all’aperto” – aggiunge il prof Matteo Fava che ha seguito direttamente il progetto coi ragazzi del Bodoni - “l’idea è stata quella di migliorare un’area verde situata a due passi dal principale ospedale cittadino, non lontano dalla nostra scuola, trasformandola in uno spazio di cura di sé e delle relazioni intergenerazionali. Oggi possiamo dire di essere riusciti a dare al quartiere Pablo una nuova area di studio di gruppo, uno spazio inclusivo e di bellezza, che ci permette di prenderci cura di quello che è di tutti.”

L'intervento è stato reso possibile grazie all'impegno di Lactalis Italia nel quadro del progetto "La Coscienza di Zeta - Lactalis per le proprie comunità", un'iniziativa di sostenibilità sociale che mira a coinvolgere gli adolescenti e le comunità locali nei territori in cui Lactalis è presente.

Vittorio Fiore, Direttore Comunicazione e Responsabile progetti CSR di Lactalis in Italia, ha sottolineato l'importanza di quest'iniziativa, affermando: "Il territorio in cui operiamo appartiene alle persone che lo vivono: vogliamo condividere questa esperienza e offrire il nostro supporto a questa interazione. L’iniziativa che abbiamo sviluppato ha infatti un significato particolare perché non chiediamo soltanto ai ragazzi di guardarsi intorno e lasciare un segno tangibile del loro rapporto con il territorio. Attraverso la loro esperienza avremo progettato insieme un percorso di costruzione condiviso".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gli studenti che riqualificano il parco delle Magnolie

ParmaToday è in caricamento