Mercoledì, 22 Settembre 2021
Attualità

Studenti stranieri all'Università di Parma: stavolta il Welcome Day è stato on line

Circa 50 i giovani che trascorreranno il semestre primaverile a Parma

Welcome Day sui generis per gli studenti stranieri che trascorreranno il secondo semestre all’Università di Parma nell’ambito del Programma Erasmus: l’emergenza Covid-19 ha infatti spinto l’Ateneo a dare loro il benvenuto per la prima volta on line.

In rappresentanza dell’Ateneo, i ragazzi hanno ricevuto il saluto istituzionale di Paolo Fabbri, presidente del Corso di laurea magistrale in International Business Development e membro della Commissione internazionale del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali.

Sono circa 50 i giovani che trascorreranno il semestre primaverile all’Università di Parma. Alcuni sono già arrivati, altri inizieranno la mobilità online (chi per scelta, chi perché obbligato dalle normative anti-Covid) per poi arrivare a primavera inoltrata. Una minoranza ha scelto l’opzione che consente di svolgere la mobilità interamente online.

Tuttavia, anche per quelli che sono appena arrivati a Parma, la mobilità è iniziata in maniera un po’ atipica. Rispetto a settembre le restrizioni si sono fatte più rigide e molti studenti devono affrontare anche la quarantena prima di poter visitare la città, come prevede la normativa per chi proviene da certi Paesi. Gli studenti in arrivo sono dunque stati assistiti e guidati dalla UO Internazionalizzazione di Ateneo, che li ha informati e aiutati nella comprensione delle regole sanitarie per farli insediare in totale sicurezza.

Al Welcome Day hanno partecipato anche l’intero staff della UO Internazionalizzazione e i Mobility Tutor, studenti iscritti all’Università di Parma che supportano i loro coetanei in scambio a Parma e gli studenti italiani che intendono svolgere un’esperienza all’estero.

Si sono inoltre presentati i volontari dell’associazione studentesca ESN ASSI Parma, che hanno illustrato le attività ludiche, sociali e culturali per il tempo libero dei ragazzi in scambio.

Agli studenti internazionali sono stati proposti alcuni sondaggi: sulle motivazioni che li hanno spinti a scegliere Parma e sulle loro aspettative su questa esperienza.

Se durante i Welcome Day tradizionali – in presenza – si presentavano i partner dell’Ateneo (Cus, Tep, Infomobility, Informagiovani, Agenzia delle Entrate, Parma Capitale della Cultura, Comune di Parma, Crédit Agricole per illustrare la Student Card), nel Welcome Day online la loro presentazione è stata effettuata tramite video che vanno a comporre un Welcome kit virtuale, sempre a disposizione degli studenti nel gruppo Teams dedicato a loro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Studenti stranieri all'Università di Parma: stavolta il Welcome Day è stato on line

ParmaToday è in caricamento