rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Attualità

Terza dose per gli operatori sanitari: si parte dagli ultra 60enni vaccinati entro il 15 febbraio 2021

Sono 3.334 le persone interessate in questa prima fase, che verranno invitate alla vaccinazione via sms

Le due Aziende sanitarie di Parma – AUSL e Azienda Ospedaliero-Universitaria – sono pronte per garantire la terza dose di vaccino di rinforzo (“booster”) agli operatori sanitari. Si parte da coloro che hanno dai 60 anni in su e che hanno completato per primi il ciclo vaccinale, cioè hanno ricevuto la somministrazione di almeno la prima dose di  vaccino nel periodo 27 dicembre 2020 -  15 febbraio 2021.

A Parma e provincia, sono interessate in questa prima fase 3.334 persone. Si tratta di operatori delle due Aziende pubbliche (circa 230 di AUSL e poco più di 300 dell’Ospedale Maggiore) e del privato, compresi i volontari e gli operatori di servizi appaltati che svolgono la loro attività nelle strutture sanitarie. La terza dose per questa categoria di professionisti è raccomandata, è verrà somministrata con vaccino a R-MNA. Al momento della somministrazione del vaccino anti covid-19 è offerta la possibilità di sottoporsi anche al vaccinazione contro l’influenza stagionale.

“Partiamo con gradualità, ma con l’obiettivo di raggiungere tutti i professionisti sanitari – affermano Romana Bacchi, sub commissaria sanitaria dell’AUSL ed Ettore Brianti, direttore sanitario di Azienda Ospedaliero-Universitaria – Con questa nuova fase della campagna vaccinale, vogliamo infatti  garantire a chi svolge un ruolo determinante nella lotta al covid-19 di continuare a farlo in modo sicuro per loro e per i cittadini assistiti”.

L’INVITO CON SMS

Tra oggi (27 ottobre) e venerdì, le 3.334 persone interessate da questa fase riceveranno un sms di invito a sottoporsi alla somministrazione della terza dose, con tutte le informazioni utili per accedere al servizio. Con la stessa modalità, a seguire, saranno contattati gli operatori sanitari con meno di 60 anni, che hanno ricevuto almeno la prima dose entro il 15 febbraio scorso e che hanno completato il ciclo vaccinale da almeno sei mesi. Si tratta di circa 12.800 persone.

DOVE FARE LA TERZA DOSE

Le somministrazioni inizieranno i primi di novembre e sono garantite per il personale di Azienda Ospedaliero-Universitaria al centro vaccinale dell’Ospedale Maggiore, mentre per tutti gli altri professionisti del mondo della sanità pubblica e privata, nei centri vaccinali dell’AUSL, a Parma all’hub in via Mantova, a Langhirano alla Casa della  Salute di via Roma, a Fidenza al centro di Vaio in via don Tincati, a Borgotaro all’Ospedale di via Benefattori, e in seguito alla sede dell’AVIS in via  Stradella quando saranno terminati i lavori di ristrutturazione.

COSA OCCORRE

Il giorno della somministrazione, bisogna portare un documento di identità, il modulo di anamnesi e il consenso informato, entrambi compilati e firmati. I moduli sono scaricabili dal sito  www.ausl.pr.it in home page, cliccando su “Vaccinazione anti-covid 19 tutte le informazioni utili”, quindi su “Modulistica – Vaccinazione anti-covid 19”.

IL NUOVO GREEN PASS

Il giorno successivo alla somministrazione della terza dose di rinforzo (“booster”) viene emesso un nuovo certificato verde, con validità di 12 mesi dalla data della somministrazione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terza dose per gli operatori sanitari: si parte dagli ultra 60enni vaccinati entro il 15 febbraio 2021

ParmaToday è in caricamento