rotate-mobile
Attualità

Treccani celebra Verdi a 170 anni dalla prima messa in scena della Traviata

Al via a Parma 'Ti Leggo. Viaggio con Treccani nelle forme della lettura. L’invenzione del vero'. Un ciclo di laboratori, letture ad alta voce, conferenze-concerto e lezioni, con il contributo di Fondazione Cariparma

Giuseppe Verdi è celebre come compositore ma fu anche un grande lettore, autore della più incredibile autobiografia dell’Ottocento scritta, quasi quotidianamente, attraverso le lettere. Il corpus dei libretti verdiani è sempre stato al centro di raffinate analisi letterarie, come dimostra il
testo Quei più modesti romanzi. Il libretto nel melodramma di Verdi di Mario Lavagetto. Nel saggio del 1979 il critico, alla ricerca delle costanti strutturali e linguistiche dei libretti, conduce il lettore attraverso i fondamenti della drammaturgia musicale romantica, con fecondi approdi di
carattere linguistico, sociologico e storico. 

A 170 anni dalla prima messa in scena de La Traviata, Treccani dedica a uno dei maggiori compositori di ogni tempo il progetto L’Invenzione del Vero - La Traviata, dal romanzo di Dumas all’opera di Verdi, che ha come obiettivo quello dell’allargamento della base della lettura, per
riflettere sul mutamento della forma letteraria che avviene nel passaggio dal romanzo al libretto, attingendo a un nucleo di temi la cui eco si estende fino alle esigenze più urgenti del mondo contemporaneo.

Attraverso la lettura ad alta voce del romanzo di Dumas figlio La Signora delle Camelie (1848), la “traduzione” del libretto di Piave nel lessico italiano contemporaneo, e l’ascolto guidato dell’opera lirica più rappresentata al mondo si potranno cogliere le caratteristiche dei differenti linguaggi
dell’arte e il riflesso che il loro mutamento ha sui contenuti di un’opera e sulla relazione che essa intrattiene con il pubblico; evidenziando quali siano i risvolti della metamorfosi stilistica fra prosa, verso e musica implicata nella sequenza romanzo-libretto-opera. È poi, nella storia dell’amore
contrastato di Violetta Valéry e Alfredo Germont, l’occasione d’una riflessione circa le costrizioni che l’emarginazione sociale e la dipendenza economica fanno pesare sulle relazioni umane. La storia sottoposta a censura di una cortigiana che non può coltivare il rapporto con il proprio
amato per problemi legati a indigenza, pregiudizi sociali e divieti paterni, e che rinuncia al desiderio per tutelare la famiglia del compagno, apre uno squarcio sulle dinamiche sociali, politiche e psicologiche del mondo di oggi, affrontando al contempo passioni e conflitti umani che travalicano
le epoche.

Il progetto, la cui elaborazione ha avuto inizio negli ultimi mesi del 2023 e si protrarrà fino alla fine di maggio 2024, prevede laboratori che si terranno presso alcune scuole secondarie superiori della città, l’Università degli Studi di Parma, la biblioteca civica, un ciclo di 2 conferenze-concerto
presso il Parco della Musica, CPM Toscanini. Tutte le attività saranno a titolo gratuito, in continuità con il progetto dell’anno precedente dedicato alla figura del poeta Attilio Bertolucci. Il primo evento del ciclo è la conferenza-concerto La Traviata: dal romanzo di Dumas all’opera di
Verdi, il 4 marzo 2024 a Parma, presso il Parco della Musica, CPM Toscanini, viale Barilla 27/a, ore 10:30. Ingresso gratuito, per informazioni Fondazione Treccani Cultura ETS tel. 0668982501 / segreteria@fondazionetreccani.it. L’iniziativa si svolge con il contributo di Fondazione Cariparma; il patrocinio del Comune di Parma e delle Biblioteche del Comune di Parma; in collaborazione con l’Università degli Studi di Parma,
La Toscanini, l’Associazione Amici di San Leonardo e 24FPS obiettivo cinema.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Treccani celebra Verdi a 170 anni dalla prima messa in scena della Traviata

ParmaToday è in caricamento