Attualità

Uova di Pasqua gialloblù per l’Ospedale dei bambini

Il Parma Calcio in visita alla struttura pediatrica del Maggiore per gli auguri ai piccoli pazienti con un pensiero di cioccolata

Un gradito ritorno quello del Parma Calcio all’Ospedale dei bambini che, in occasione della Pasqua, ha voluto portare un regalo di cioccolata – grazie anche al partner della società crociata Logiva - ai pazienti ricoverati nei reparti pediatrici dell’Ospedale dei bambini. Ad accompagnare i cesti di uova gialloblù il vice direttore sportivo e capitano storico del Parma Alessandro Lucarelli e il coordinatore dell'area medica Giulio Pasta.

I protocolli dell'emergenza Covid-19, non hanno consentito la visita nei reparti con dirigenti, staff tecnico e giocatori, ma il Parma Calcio ha desiderato rinnovare, con la presenza di una delegazione del club, questo appuntamento che sta diventando una piacevole tradizione così come la consegna dei regali nel periodo natalizio.

La consegna delle uova di Pasqua è avvenuta all’esterno ma ogni piccolo paziente riceverà il suo regalo grazie alla disponibilità delle coordinatrici infermieristiche Giuseppina Nicosia, Maria Luisa Zou, Mara Cauli, Maria Tiziana Farina, Onelia Facini e Claudia Marcatili che, insieme a Giocamico, si sono fatte carico di organizzare la consegna nei reparti.

Ad accogliere il gruppo Crociato Massimo Fabi, direttore generale dell'Azienda Ospedaliero-Universitaria, il direttore del Dipartimento materno infantile Gianluigi de’ Angelis, la direttrice delle professioni sanitarie del dipartimento Rita Lombardini e i direttori dei reparti tra cui Icilio Dodi, Patrizia Bertolini, Serafina Perrone, Emilio Casolari, Susanna Esposito, Pierpacifico Gismondi, Bertrand Tchana e Enzo Romanini.

“La vostra visita è sempre molto gradita per i nostri piccoli pazienti ai quali verranno trasferiti i vostri auguri – ha dichiarato Massimo Fabi - . Grazie, come sempre, per l'attenzione che ci dimostrate con autentico spirito di squadra”.

Alessandro Lucarelli ha sottolineato la mancanza di poter scambiare una battuta con i bambini che sono ricoverati in ospedale. “E’ un momento che, dal punto di vista umano, ha sempre dato tanto anche a noi. Torneremo sicuramente qui per condividere queste emozioni. Ci auguriamo sempre di poter essere presenti con i nostri giocatori e lo faremo sicuramente quando l’emergenza Covid-19 sarà terminata. Speriamo presto".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Uova di Pasqua gialloblù per l’Ospedale dei bambini

ParmaToday è in caricamento