violenza alle donne

La proposta di AMO COLORNO. Uno sportello rosa in comune.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Sempre più frequenti sono ormai gli episodi di violenza sulle donne, specie in ambiente domestico. Il nostro territorio è stato turbato in quest’ultimo periodo dall’orribile episodio di San Polo di Torrile, finito tristemente in tragedia, e dall’odierno episodio di cronaca avvenuto oggi a Colorno, dove un Albanese da tempo picchiava e umiliava la moglie. Quest’ultimo episodio è finito per il meglio, ma poteva finire anche con l’ennesima tragedia. A questo proposito vogliamo proporre al comune di Colorno, di aprire uno sportello chiamato “Sportello Rosa”. AMO COLORNO, vede questo progetto come un punto di riferimento di tutta la bassa est parmense. Un luogo dove poter incontrare un’amica e chiedere consiglio in tutta riservatezza. Siamo ben al corrente che esistono dei numeri telefonici di S.O.S. Donna, ma spesso una donna preferisce non parlare ad un “call center” ma vuole confidarsi con una presenza reale, da poter guardare negli occhi. Lo sportello rosa si occuperebbe di dare informazioni; di ascoltare; di dare un minimo di sostegno legale e psicologico alle donne vittime di violenza. Sarebbe del tutto gratuito. Oggi più che mai una donna merita di essere ascoltata e capita. E’ bello posizionare in un parco le panchine rosse. E’ bello dedicare una sedia in comune a questi bruttissimi episodi; ma sarebbe ancor più giusto rimboccarsi le maniche e cercare di fare di più. Se lo sportello rosa, riuscisse ad aiutare anche una sola donna, che in questo momento sta subendo violenza; avrebbo già ottenuto un buon risultato. Siamo disponibili a discutere il progetto e la nostra idea con il comune di Colorno, nonchè a lavorare gratuitamente per esso. IL GRUPPO AMO COLORNO

Torna su
ParmaToday è in caricamento