Sospetto virus cinese a Parma: la donna ricoverata al Maggiore ha il virus influenzale

I risultati delle prime analisi del Laboratorio dell'Istituto di Igiene dell'Università di Parma: serviranno ulteriori accertamenti

La donna, ricoverata nel reparto Malattie Infettive dell'Ospedale Maggiore di Parma in ritorno dalla località di Wuhan, per un caso sospetto di virus cinese, il coronavirus, ha il virus influenzale di tipo B. È quello che emerge dagli accertamenti effettuati presso il laboratorio dell'Istituto di Igiene dell'Università di Parma. Serviranno però ulteriori accertamenti per escludere la presenza del coronavirus. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"In riferimento al presunto caso di coronavirus - si legge in una nota dell'Ausl di Parma - su una donna italiana, residente nel parmense, in ritorno da Wuhan che ha accusato lievi sintomi di infezione alle vie respiratori, dai primi accertamenti effettuati  presso il laboratorio dell’istituto di Igiene dell’Università di Parma su tampone orofaringeo della paziente è emersa la presenza del virus influenzale di tipo B. Si è in attesa di  ulteriori accertamenti da parte dei laboratori di riferimento". La donna in buone condizione di salute è ricoverata nel reparto di Malattie infettive dell'Ospedale Maggiore di Parma.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "C'è una festa clandestina" e chiamano i carabinieri: era un giovane che giocava alla playstation

  • Parma a rischio chiusura totale, Venturi: "Valutiamo se fermare tutto"

  • Va in auto in un supermercato di San Polo d'Enza per fare avance ad una cassiera: parmigiano denunciato

  • Coronavirus, i 'furbetti' del supermercato: "Chi esce per comprare solo una birra è incosciente"

  • Coronavirus: dopo Piacenza nuove restrizioni in arrivo anche a Parma

  • Coronavirus: ecco cosa si può fare e cosa no a Parma dopo le ultime norme

Torna su
ParmaToday è in caricamento