bax e greci: servono pene più severe per chi truffa gli anziani

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Nei giorni scorsi si è consumata l'ennesima truffa ai danni di un'anziana novantenne abitante in via Corini, nel già martoriato quartiere San Leonardo, dove la microcriminalità ormai dilaga e prolifera quasi indisturbata. “Già da alcuni mesi, le senatrici di Fare con Tosi hanno presentato una mia proposta di legge – spiega Massimo Bax, candidato nella lista SìAmoParma di Filippo Greci – che prevede la modifica dell'art. 640 sulla truffa, con un'autonoma di reato in favore degli anziani colpiti da questo odioso crimine e che consiste nell'arresto obbligatorio in flagranza o quasi flagranza a carico degli autori di reato, nonché il raddoppio delle pene edittali e la procedibilità d'ufficio da parte della polizia giudiziaria, in modo da evitare che l'anziano sia costretto a sporgere autonomamente querela, fatto che oggi non sempre avviene per varie ragioni”. “Come candidato Sindaco – puntualizza Filippo Greci – credo che sarebbe opportuno e doveroso da parte di chi ci rappresenta, specie a livello governativo, non lasciare dormire in commissione parlamentare tale proposta, ma attivarsi per farla approvare con urgenza, adottando un provvedimento che potrebbe servire anche da deterrente nei confronti di questi delinquenti senza scrupoli. Chi commette del male nei confronti di una categoria debole e indifesa come quella appunto degli anziani, che rappresentano un patrimonio prezioso per ogni società civile, deve scontare una pena adeguata”. Da sinistra nella foto: Caterina Galli (coordinatrice Fare con Tosi - Parma), Raffaela Bellot (senatrice Fare con Tosi), Filippo Greci, Massimo Bax
Torna su
ParmaToday è in caricamento