Animal voice

Animal voice

Quando l'amore per gli animali diventa una ragione di vita

L'amore per gli animali dovrebbe essere una "tendenza" sempre in voga. Questa volta vi racconto che cosa significa per me amare gli animali: "Un rapporto di amore e confidenza che ci fa mangiare una mela insieme, alternando un morso mio e quattro per lei, la mia piccola Totoro"

Totoro

Nel blog di ParmaGlam racconto spesso di eventi, mode, tendenze, filosofie e stili di vita. Parlo spesso di avvenimenti inerenti gli animali e  fra le righe traspare l’incommensurabile amore che provo nei loro confronti. Questa volta voglio fare uno strappo alla regola e raccontare la mia storia, una sorta di autointervista per parlare del significato che un animale assume nella nostra vita. Un semplice punto di vista il mio, che assieme a quello di tanti altri costituisce il fondamento per la lotta contro ignoranza e cattiveria nei loro confronti, una “tendenza”, (giusto per restare nel tema del blog) che non dovrebbe mai passare di moda. Ognuno, poi, ha il suo animale preferito, e a chi stupidamente mi domanda “Che cosa ti può dare un coniglio?” rispondo compiaciuta di poter appagare cotanta incompetenza: “Tanto. Tanto da renderti felice. Tanto da affascinarti quotidianamente per l’incredibile intelligenza che un animale così piccolo possiede. Tanto, da essere fiera di saper apprezzare tutta la sua meraviglia”. A chi mi chiede “Cosa vuol dire per te amare gli animali?” replico con l’entusiasmo di un bambino: “Avere come sogno nel cassetto una casa enorme per salvarne il più possibile. Non vedere l’ora che arrivi il turno E.N.P.A. per stare in loro compagnia, e contribuire ad aiutarli in ogni modo che mi è possibile. Sbalordirmi di quanta rabbia sia capace di provare alla notizia di qualche ingiustizia nei loro confronti, e dell’altrettanta impotenza di fronte alla gravità di certe situazioni. Amare gli animali per me significa perdere un pezzo di cuore ogni volta che qualcuno se ne va, e nel mio piccolo fare una ragione di vita della loro felicità. Amare gli animali per me significa aver fatto una scelta consapevole quando ho deciso di averne uno nella mia vita, e non essermi mai pentita”. Alcuni sulla scala delle urgenze antepongono l’uomo all’animale, e io concordo nella misura in cui il benessere del primo possa garantire conseguentemente quello del secondo, perché se l’uomo si proclama l’essere più emancipato che esiste, allora ha il dovere di tutelare le altre creature. Gli animali non hanno voce per chiedere aiuto o reclamare i propri diritti, non hanno nessuno che li salvaguardi e la mancanza di empatia nei loro confronti è ancora un handicap troppo diffuso nelle società e nel mondo intero. L’origine di questa ingiustizia non è da rintracciare solo nella “mancata conoscenza”, ignoranza da intendere semmai come l’inconscia superficialità che porta frequentemente all’abbandono degli animali d’affezione, o come la “pigrizia” nel trovare, (ad esempio), metodi alternativi, meno dolorosi, per l’uccisione di quelli destinati al macello che, se pur designati a diventare cibo, potrebbero vivere meglio e morire in pace prima di andare incontro alla loro sorte, ma, paradossalmente anche nell’acquisizione di un sapere che, come potere, si innalza consapevolmente, oltre la morale, verso scelte crudeli. Basti pensare alla famigerata Sperimentazione Animale, “scienza” che tortura e uccide milioni di animali in nome di un presunto progresso umano, che alla fine apporta meno benefici in medicina di quelli che promette, ma piuttosto si eclissa dietro traguardi puramente economici. Amare gli animali significa partire dal presupposto di voler porre rimedio a tutto questo, e poi scegliere come agire. E a chi stupidamente mi domanda “Cosa ti può dare un coniglio?” rispondo orgogliosamente di poter soddisfare cotanta inesperienza: “Un rapporto di amore e confidenza che ci fa mangiare una mela insieme, alternando un morso mio e quattro per lei, la mia piccola Totoro”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Animal voice

Vivo a Parma e vorrei diventare scrittrice. Amo gli animali sin da quando ero bambina, e crescendo ho imparato che l'animalismo è una prospettiva migliore tramite cui vivere il mondo, perché insegna a rispettare ogni essere vivente. Fortemente impegnata in questo campo come volontaria E.N.P.A., vivo insieme a Totoro e Takechi, non solo conigli, ma veri e propri compagni di vita

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di cesare
    cesare

    certo, però non dobbiamo nemmeno scagliarci contro chi non lo capisce

  • Bello ma non bisogna trovare modi migliori per ammazzare animali da macello ma capire che uccidere animali significa non amarli punto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento