Animal voice

Animal voice

OIPA: libertà per Daniza

Previsto incontro fra OIPA, LAC e LAV con l'assessore all'Ambiente, Turismo e Agricoltura Dallapiccola per chiedere il ritiro immediato dell'ordinanza e fermare quindi la cattura dell'orsa

Il 15 agosto 2014 in Trentino Alto Adige, fra i boschi della Val Rendeva, dopo che un cercatore di funghi si è avvicinato troppo ad una mamma orsa ed ai suoi cuccioli, Daniza (questo il nome della mamma orsa), sentendosi minacciata lo ha assalito e ferito lievemente. Da quel momento la Provincia autonoma di Trento ha condannato Daniza alla cattura e reclusione in un centro forestale Casteller. Contro questa crudele decisione, in nome del mondo animalista, le associazioni OIPA, LAC e LAV, unitesi in un sit-in di una settimana, hanno protestato giorno e notte davanti al Palazzo della Regione. E pensare che circa un mese prima dell’accaduto, lo scorso luglio 2014, una nuova misura della Giunta provinciale di Trento ha stabilito che “gli orsi dannosi in Trentino potranno essere muniti di radiocollare, e se necessario anche catturati o abbattuti”, ritenendo così opportuno intervenire con una misura drastica se la prevenzione non dovesse rivelarsi efficace. Secondo quanto si legge dalla delibera della Giunta della Provincia autonoma di Trento: la categoria “orso dannoso” entra a far parte  del Piano d’azione interregionale, pensato soprattutto per la gestione dell’orso bruno nelle Alpi centro orientali. Prima dell’approvazione della misura saranno però resi necessari una serie di confronti col ministero dell’Ambiente, da cui è atteso ora il vaglio ufficiale. Ma ora la preoccupazione è per Daniza e per i suoi cuccioli, ancora troppi piccoli per badare a se stessi. Nei prossimi giorni è stato infatti previsto un incontro fra OIPA, LAC e LAV con l’assessore all’Ambiente, Turismo e Agricoltura Dallapiccola per chiedere il ritiro immediato dell’ordinanza e fermare quindi la cattura dell’orsa in fuga.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Animal voice

Vivo a Parma e vorrei diventare scrittrice. Amo gli animali sin da quando ero bambina, e crescendo ho imparato che l'animalismo è una prospettiva migliore tramite cui vivere il mondo, perché insegna a rispettare ogni essere vivente. Fortemente impegnata in questo campo come volontaria E.N.P.A., vivo insieme a Totoro e Takechi, non solo conigli, ma veri e propri compagni di vita

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Parma 28/08/2014 io penso che solo a gente sprovveduta e rompiscatole possa essere venuto in mente di ripopolare con lupi ed orsi in zone dove da decenni si erano estinti perchè non c' erano più le condizioni per sopravvivere. Era prevedibile che si sarebbero avvicinati ai paesi e alle persone in cera di cibo. Agli addetti un detto popolare : che vi corra dietro un orso magari incazzato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento