Animal voice

Animal voice

Fidenza a marzo diventa la città delle Donne

Per celebrare l'8 marzo Fidenza ha pensato ad un cartellone di eventi che sarà presentato il 29 febbraio alle 11.00 presso il Ridotto del Teatro Magnani

mimosa-simbolo-donna

La Festa della Donna ha radici culturali nella storia del passato, infatti, è una ricorrenza  che celebra le conquiste sociali e la dura lotta portata avanti, da sempre, dalle associazioni femministe. Come giornata internazionale cade l’8 marzo, e anche quest’anno la donna sarà festeggiata in quanto simbolo di positività ed integrità sociale. Per l’occasione “Fidenza a marzo diventa la città delle Donne”, questo è il titolo del cartellone di eventi dedicato all’8 marzo, ideato dal Comune di Fidenza che ha pensato ad un ricco programma che spazia dal teatro alla pittura, dalla letteratura allo sport, dalla storia al sociale, che sarà presentato il 29 febbraio, alle ore 11.00, al Ridotto del Teatro Magnani nel corso di una conferenza stampa a cui interverranno: il sindaco Mario Cantini, l’assessore alle Politiche sociali e sanitarie Marilena Pinazzini e il consigliere comunale delegato alle Pari opportunità Ilaria Comelli. L’origine storica e la scelta della data per questa festa  sono incerte, molti concordano nel coglierne gli albori durante alcune decisioni prese alla Conferenza dell’Internazionale Socialista tenutasi agli inizi del ‘900 ma, quel che è certo, è che con il tempo l’8 marzo ha assunto importanza mondiale diventando giornata memorabile per il riscatto sociale della donna e per le vessazioni subite nel corso dei secoli. L’usanza della mimosa come dono, in questa ricorrenza, è stata decisa nel 1946 dall'UDI (Unione Donne Italiane) che scelse il fiore come simbolo perchè, oltre a fiorire proprio in questo periodo, il  giallo esprime gioia, forza e vitalità, inoltre, è il colore che rappresenta il passaggio dalla morte alla vita e ricorda alle donne la loro battaglia per la nascita di un mondo più giusto e riconoscente nei loro confronti. La valenza sociale dell’8 marzo, in questo periodo, solitamente promuove molte iniziative dedicate all’emancipazione femminile, fra queste, infatti, troviamo perfettamente inserita l’idea della comunità fidentina che a marzo si tinge di rosa, una tinta delicata e forte al tempo stesso che, proprio come la donna nella società sa farsi valere, emerge con classe ed è riconoscibile fra tutti i colori. La Festa della Donna non ha solo valore storico e culturale, è anche un momento dove le amiche possono festeggiare in compagnia, una giornata che ricorda l'importanza della parità dei diritti e del vivere in modo corretto.

Animal voice

Vivo a Parma e vorrei diventare scrittrice. Amo gli animali sin da quando ero bambina, e crescendo ho imparato che l'animalismo è una prospettiva migliore tramite cui vivere il mondo, perché insegna a rispettare ogni essere vivente. Fortemente impegnata in questo campo come volontaria E.N.P.A., vivo insieme a Totoro e Takechi, non solo conigli, ma veri e propri compagni di vita

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ParmaToday è in caricamento