Animal voice

Animal voice

Parma in "Green" protagonista italiana ed europea

Molte le iniziative di Parma e Provincia per rispettare l'ambiente con l'obbiettivo di migliorare le condizioni dei cittadini a livello locale, nazionale ed europeo

green

Parma e Provincia rispettano l’ambiente facendosi portavoce di molte iniziative. Il Comune di Collecchio è a capo del progetto europeo “Go green now”, cui partecipano  i Comuni di Bertinoro, (Italia), Arvidsjaur, (Svezia), San Sadurnino e Carino, (Spagna), Wiernsheim, (Germania), e Tampere, (Finlandia), allo scopo di sensibilizzare i cittadini su tematiche ambientali. L’idea si articola in sessioni di lavoro finalizzate alla raccolta di impressioni, e suggerimenti, per promuovere stili vi vita sostenibili inerenti al territorio della natura. Dal 15 al 18 Novembre 2011, a Collecchio: fase dedicata al rapporto scuola e ambiente, tema strategico che fa leva su nuove generazioni e non solo: gli argomenti trattati nella aule scolastiche coinvolgono famiglie e comunità. Infatti, parte del corpo docente, del sistema scolastico locale interessato, è stato a partire dall’Istituto comprensivo Ettore Guatelli, cui fanno riferimento le scuole materne statali, (primaria Giuseppe Verdi e secondaria di primo grado Domenico Galaverna). Oltre all’Assessore all’Ambiente Maristella Galli, fra gli amministratori anche i membri della Commissione Ambiente del Comune presieduta dal Consigliere di maggioranza Virna Graiani. Accanto alla scuola erano anche i responsabili dei Centri di Educazione Ambientale del Parco del Taro e dei Boschi di Carrega. Il programma ha previsto l’arrivo delle delegazioni straniere il 15 Novembre 2011, il 16, a “Casa i Prati”, presenza del Professor Mario Salomone dell’Università di Bergamo e di Daniele Vignaletti del Centro Educazione Ambientale “Anima Mundi”, (Cesena). Il 17 lavori di gruppo, mentre il 18 visita all’Azienda Stuard di San Pancrazio. (Il progetto è finanziato con fondi europei). Anche Ecocity, (pratica nel campo di efficienza e sostenibilità energetica, parte del piano europeo), rientra in questa prospettiva: l’Italia sarà rappresentata, nel progetto di mobilità urbana delle merci C-Liege – Pulizia trasporto ultimo miglio e gestione della logistica per i governi locali intelligenti ed efficienti d’Europa, (finanziato dal programma Intelligent Energy Europe), dal Centro Agroalimentare e Logistica di Parma, con la sua flotta di 14 navette “green” per il trasporto merci in città. “Prima ed unica realtà, in Italia ed Europa, a servire prodotto fresco e secco in modo efficiente, ecologico e sicuro. Vogliamo aumentare la diffusione dei prodotti a Km 0”, ha spiegato Andrea Bianchi, Direttore Centro Agroalimentare. A fare breccia nel cuore del mercato europeo è stata l’idea di immettere nelle strade navette ecologiche e rapide. Non meno importante, nel cuore della città, la dimostrazione che tutela ambientale e benessere sociale coesistono: l’Eco Baby Bar del Parco Ducale, (primo in Italia), inaugurato lo scorso 21 Maggio 2011. La struttura rappresenta un nuovo business orientato all’eco-sostenibilità, e all’ecologia, (già diffuso negli USA), a Parma realizzato da due mamme divenute imprenditrici, Lorenza Mazzoni e Valentina Bersiga. Il progetto, divenuto realtà, (il Comune ha messo a disposizione le “Serre Petitot” del Parco Ducale),  unisce l’idea di ristorazione a quella di famiglia. Il locale permette, (in estate o inverno), alle mamme di stare con le amiche durante un pranzo, o aperitivo, a base di prodotti tipici, (in gran parte biologici, di stagione a Km 0), mentre i figli si divertono al sicuro negli spazi creati per loro. Le attrezzature e i materiali usati, (arredamento e giochi in legno), sono rifiniti col minimo impiego di plastica. Il Comune è stato entusiasmato da una proposta che crea una città a misura di famiglia. L’innovativo Bar si ispira alla linea di tendenza del Green Marketing, attività economica di sani profitti che salvaguarda l’ambiente, fidelizzando i consumatori, grazie a tecniche mirate ad ecologia ed eco-sostenibilità. Grandi aziende come Eni e Coca Cola hanno pensato, e comunicato ‘green’ col proprio pubblico, puntando rispettivamente su risparmio energetico, e prodotti che aumentano il benessere collettivo senza intaccare l’ecosistema. Infine, un recente progetto, quello di “Parmamia”, nuovo quartiere residenziale vicino al centro, nella zona sud della città compresa fra tangenziale, Strada Farnese e Via Chiavari: 45 ettari di terreno, quasi interamente adibito a parco giardino, in cui sorgeranno ville, appartamenti ed uffici. Un’iniziativa di elevato livello urbanistico, ideata dagli architetti dello studio milanese FOA. Ci saranno specchi d’acqua, piste ciclabili, spazi per famiglie, sentieri per passeggiate, e tutto il necessario per respirare la natura, (www.parmamia.it). Parma si veste di “Green” e diventa protagonista per migliorare la vita dei cittadini a livello locale, con influenza positiva su territorio italiano ed europeo.

Animal voice

Vivo a Parma e vorrei diventare scrittrice. Amo gli animali sin da quando ero bambina, e crescendo ho imparato che l'animalismo è una prospettiva migliore tramite cui vivere il mondo, perché insegna a rispettare ogni essere vivente. Fortemente impegnata in questo campo come volontaria E.N.P.A., vivo insieme a Totoro e Takechi, non solo conigli, ma veri e propri compagni di vita

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ParmaToday è in caricamento