Animal voice

Animal voice

"PoScriptum" Rassegna Letteraria: Conosciamo gli Autori

Dal 14 gennaio al 17 febbraio una serie di appuntamenti dalle 17.00, presso la Biblioteca Porcari di Polesine Parmense, per conoscere Scrittori ed Autori che presenteranno libri ed opere parlando al pubblico di loro stessi

locandina-poscriptum

 

Ad accompagnare il nuovo anno sono indispensabili gli eventi della tradizione capaci di rinnovarsi. Infatti, consuetudine del 2011, la Rassegna letteraria rimane un appuntamento capace di unire i partecipanti all'insegna di compagnia, cultura e letteratura. “PoScriptum”, presso la Biblioteca Porcari di Polesine Parmense, presenta una serie di serate dove abili autori presenteranno le loro opere e i loro libri parlando anche di se stessi al pubblico. Gli incontri inizieranno alle ore 17.00 e saranno condotti da Fabio Carapezza, già coordinatore di parecchie Manifestazioni letterarie l'anno passato.  Sabato 14 gennaio Fabio Carapezza, (sezione narrativa), presenta “L'inconveniente di esistere”, raccolta di racconti che, se vivono di vita propria, hanno il filo conduttore del mal di vivere. Prendiamo "Tu non hai il vestito di carnevale", con il sapiente uso di aggettivi e l'analisi dell'appartenenza e della conseguente esclusione, oppure il racconto "Sciarpa Grigia", con la poetica brutalità di vita e morte nel punto in cui si incontrano e abbracciano. E ancora: analisi del male insito nell'uomo in "Ultimo giorno" e la conclusione, l'indagine cruciale de "L'inconveniente di esistere" che parla de L'inconveniente di esistere, appunto. Fabio vive a Parma, dove si è laureato in Filosofia, ha viaggiato e fatto molti lavori in seguito ad un periodo di disfacimento interiore e, attualmente, cerca il lato conveniente dell'esistere. Ha vinto il Concorso Internazionale "Giovanni Gronchi" e il Concorso Letterario "Alberto Tallone", pubblicato la silloge "Pezzi di vetro", (Ibiskos 1993), e una poesia su "Poesia", rinomata rivista italiana edita da Crocetti Editore. Domenica 22 gennaio Luca Ariano, (sezione poesia), con “Contratto a termine”.  Dalla prefazione, a cura di Francesco Marotta:  “Una scrittura animata e sorretta da una profonda ragione etica, sapientemente giocata nell’alveo di consapevoli e marcati registri antiretorici, capace di penetrare con l’insistenza, seguendo soltanto la mappa interiore di ben meditate traiettorie di pensiero". Luca Ariano, nato a Mortara, (PV), vive a Parma. Ha pubblicato la raccolta di poesie “Bagliori crepuscolari nel buio” nel 1999, numerose sue poesie sono apparse su riviste, blog e siti letterari su Internet, collabora con le riviste “ALI”, “clanDestino” e “La Barriera”.  Con Enrico Cerquiglini ha curato, per Campanotto, l’antologia “Vicino alle nubi sulla montagna crollata” (2008) e fa parte dello staff della casa editrice Kolibris.  Sabato 28 gennaio Cecilia Tanzi, (sezione narrativa), presenta “Il Gallerista”: Judas Linder è un uomo di settantanove anni, ebreo, vive a Parigi dove possiede una Galleria d’arte su Quai Voltaire. Alle spalle ha una vita intensa, drammatica a partire dalla sua fuga in America all’alba dell’occupazione Nazista in Francia. Torna in Europa e un vecchio amico lo convinge a restare a Parigi e a dedicarsi alla sua nuova e crescente passione: l’arte, che lo porterà ad una serie di eventi coinvolgenti e tragici al tempo stesso. Lo si potrebbe definire un noir psicologico, ma “Il Gallerista” è una storia che si nutre di intrecci che corrono lungo quel filo robustissimo e doloroso che lega ognuno di noi al proprio passato. Cecilia Tanzi è laureata in Giurisprudenza con dottorato di ricerca in diritto del lavoro e sindacale. Ha vinto, nel 1999, il premio “Giovanni Guareschi”. Non ama parlare di se stessa, preferisce lasciarlo fare alla sua scrittura e sostiene che l’arte sia un modo di vivere per allontanarsi da ciò che le somiglia. Domenica 5 febbraio Alberto Padovani (poesia) con “Poesie raccolte”: l'Autore propone una raccolta di poesie che attraversano l’intero spazio temporale (20 anni circa) della sua attività di poeta. Le 62 poesie raccolte sono suddivise in 3 capitoli: “Selezione Einaudi”, che prende il nome da un invio all’illustre Editore; “Ballate pescate” e “Canzoni _ Lezioni _ Dissoluzioni”. Alberto Padovani, nato a Colorno (Pr), l’8 maggio 1970, inizia a scrivere poesie dall’età di 13 anni. Alcuni testi diventano canzoni: la passione per la musica influisce notevolmente sullo stile poetico. , Nel 2000 partecipa a un’iniziativa dell’Osservatorio Letterario Giovanile della città di Torino: viene pubblicata una sua poesia su “Opere d’inchiostro”, edito da Rubbettino nel 2000. Nel 2009 esce “Il setaccio nel fiume. Antologia colornese” (una Spoon River contestualizzata in loco), che in alcune occasioni diventa il testo dell’omonimo reading poetico-musicale. Sabato 11 febbraio Rosanna Dughetti (narrativa) “… solo un anno…”: un libro coraggioso in grado di trattare con delicatezza il tema della rielaborazione del lutto. “Una storia vera dedicata a tutte le persone che non credono ai miracoli ma che lasciano aperto lo spiraglio del dubbio...”. Nata nel 1955, Rosanna Dighetti a 18 anni lascia la scuola per problemi familiari e inizia la sua vita lavorativa. Per vent’anni lavora nel campo dell’alta moda e contemporaneamente continua a leggere e documentarsi per tutto quello che riguarda le medicine alternative e filosofie orientali. Oggi tiene conferenze di filosofie orientali, di medicine alternative, di materie spirituali. Sempre “per caso” tra il 2010-2011 pubblica un libro per bambini e un libro di narrativa. Domenica 17 febbraio Graziano Garaffa (poesia) “La città degli animali”. Dall'Autore: “Perché ho scritto questo libercolo? Perché ho ancora voglia di chiedermi perché… su tutto! In una società dove non c’è più una risposta chiara, univoca, ma relativa…Solo chi ha una visione generale può capire come funziona la baracca e può azzardarsi a rispondere ai perché. Spesso ci si rifugia nel proprio orticello, chi si occupa delle lingue perdute, chi dei mestieri antichi, chi si rifugia in mondi distanti…Non si affronta più la Realtà! In questo tipo di società io mi chiedo dei perché, scrivo per chiarirmi… un attimo mi fermo nel traffico e.. cosa sta succedendo intorno a me?” . Graziano Garaffa è nato a Langhirano, (PR), nel 1965. E' architetto, designer, artista e anche scrittore. Concepisce l’arte come pura creatività senza limiti di genere. L’idea sta alla base dell’opera e il mezzo artistico è solo un veicolo per comunicarla nel modo più efficace. 
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Animal voice

Vivo a Parma e vorrei diventare scrittrice. Amo gli animali sin da quando ero bambina, e crescendo ho imparato che l'animalismo è una prospettiva migliore tramite cui vivere il mondo, perché insegna a rispettare ogni essere vivente. Fortemente impegnata in questo campo come volontaria E.N.P.A., vivo insieme a Totoro e Takechi, non solo conigli, ma veri e propri compagni di vita

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ParmaToday è in caricamento