Università

Università

Facoltà di Agraria: Premio di Laurea "Lorenzo Ferrarini"

Cerimonia di consegna per la migliore Tesi di Laurea Specialistica in Scienze e Tecnologie Alimentari

La dottoressa Marianna Tedeschi, laureata in Scienze e Tecnologie Alimentari con votazione di 100/110, ha vinto il Premio di Laurea "Lorenzo Ferrarini" per la miglior Tesi di Laurea Specialistica in Scienze e Tecnologie Alimentari nel corso dell'a.a. 2009/2010, discutendo la tesi "Fermentazione microbica fecale di alimenti ricchi in polifenoli e identificazione di metaboliti specifici". La premiazione si è tenuta presso la Facoltà di Agraria per il secondo anno consecutivo all'interno delle proclamazioni di laurea. A presiedere la cerimonia di consegna vi erano: la Prof.ssa Rosangela Marchielli e i professori Emma Chiavaro, Chiara Dall'Asta, Daniele Del Rio. Il Premio è stato assegnato all'unanimità sulla base della qualità scientifica, della novità e dei possibili sviluppi futuri del lavoro svolto, ma anche valutando con particolare attenzione l'impegno e la dedizione profusi dalla candidata nello svolgere e portare a termine il lavoro di tesi. Il valore del Premio assegnato è di 1.000 Euro, esso è stato istituito dall'Ateneo di Parma su richiesta della famiglia e degli amici del dottor Ferrarini: Tecnologo Alimentare laureato presso l'Ateneo parmense e scomparso prematuramente in un tragico incidente automobilistico nel 2009. Egli ha investito tempo e determinazione nella Facoltà di Agraria per conseguire la laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari. "Momenti tra i più intensi e formativi come studente, ma soprattutto come persona, che alla fine del suo percorso universitario l'avevano arricchito professionalmente, ma soprattutto avevano acceso ancora maggiormente la sua passione e la sua curiosità per la vita, in quella continua ricerca del proprio io che tutti dovremmo affrontare con lo spirito costruttivo ed ironico che l'ha sempre reso veramente speciale".

L'università di Federica

Studentessa di Scienze della Comunicazione scritta e ipertestuale. Vivo a Parma da tre anni, quindi fuori sede, originaria della provincia di Bari. Ho lasciato il mio paesino fatto di trulli e ulivi dall'età di diciotto anni: valigia alla mano colma di tante aspettative per intraprendere l'avventura universitaria in una città tutta nuova per me, ma che ormai mi vede crescere semestre dopo semestre e che sento sempre più mia. Quella sensazione nota ai fuori sede, di sentirsi un po' a metà fra due realtà, ormai mi appartiene: mi manca il mio paese quando son qui e quando sono nel mio paese mi manca Parma, con tutto quello che di bello mi regala anno dopo anno. Indipendenza, responsabilità, libertà… e poi ci sono gli amici, i compagni di studentato e di facoltà! Insomma, la mia valigia ha fatto spazio a tante esperienze e consapevolezze nuove.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

Torna su
ParmaToday è in caricamento