Università

Università

Concorso letterario su Italo Svevo: in palio un e-book reader e la pubblicazione su "Il Piccolo"

Scadenza consegne entro il 15 marzo 2012

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In occasione del 150° anniversario della nascita di Aaron Ettore Schmitz, meglio conosciuto come Italo Svevo (1861-1928), è stato istituito un concorso letterario, aperto a tutti, dal titolo "Il povero Alfonso, il caro Emilio, l'egregio Zeno". I partecipanti sono invitati a rielaborare i tre romanzi di Svevo in tre diverse tipologie testuali: riscrivere Una vita come elogio funebre del povero Alfonso Nitti; riscrivere Senilità come referto medico del caro Emilio Brentani; riscrivere La coscienza di Zeno come fosse un curriculum dell'egregio Zeno Cosini. Per il vincitore di ciascuna categoria, in palio un e-book reader Sony e la pubblicazione del testo sul quotidiano "Il Piccolo". I contenuti e il regolamento sono stati presentati da Riccardo Cepach, coordinatore del Museo Sveviano di Trieste e da Cristina Benussi, Preside della Facolta di Lettere e Filosofia dell'Universita degli Studi di Trieste e sono disponibili online già dal 13 gennaio sul sito ufficiale delle celebrazioni. Non vi sono limiti di lunghezza per gli elaborati che, per regolamento, non devono essere firmati bensì contrassegnati da un motto. Sempre per regolamento non verranno presi in considerazione invii per posta elettronica da indirizzi telematici che rivelino il nome del mittente: il testo dell’e-mail e l’elaborato (in formato .doc o .txt o .pdf) non dovranno essere firmati se non da un motto. Un secondo messaggio di posta elettronica inviato dal medesimo indirizzo dovrà contenere il motto (come oggetto della mail) e i dati personali e i recapiti dell’autore nel corpo del messaggio. Chi intende partecipare deve affrettarsi, poiché la scadenza è prevista per il 15 marzo 2012 e il lavoro richiede tempo e dedizione. Gli elaborati devono pervenire alla sede del Museo Sveviano (via Madonna del Mare, 13 – 34124 Trieste) in busta chiusa oppure con consegna a mano, via posta ordinaria (e in questo caso fa fede la data del timbro postale) o via posta elettronica all’indirizzo museosveviano@comune.trieste.it. Le premiazioni avverranno poi al Museo Revoltella di Trieste il 31 marzo 2012. Sarebbe bello se gli universitari di Parma, non solo di Lettere, emergessero in questo concorso per dimostrare l'estro e la creatività che vanno oltre gli esami di routine. Il fatto che non si debba firmare gli elaborati, però, lascia un po' perplessi...

L'università di Federica

Studentessa di Scienze della Comunicazione scritta e ipertestuale. Vivo a Parma da tre anni, quindi fuori sede, originaria della provincia di Bari. Ho lasciato il mio paesino fatto di trulli e ulivi dall'età di diciotto anni: valigia alla mano colma di tante aspettative per intraprendere l'avventura universitaria in una città tutta nuova per me, ma che ormai mi vede crescere semestre dopo semestre e che sento sempre più mia. Quella sensazione nota ai fuori sede, di sentirsi un po' a metà fra due realtà, ormai mi appartiene: mi manca il mio paese quando son qui e quando sono nel mio paese mi manca Parma, con tutto quello che di bello mi regala anno dopo anno. Indipendenza, responsabilità, libertà… e poi ci sono gli amici, i compagni di studentato e di facoltà! Insomma, la mia valigia ha fatto spazio a tante esperienze e consapevolezze nuove.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento