Università

Università

"E dopo la laurea?" Il futuro fa paura e gli studenti cercano risposte

Quando si respira solo aria di precariato, studiare per aspirare ad una professione è un sogno o un'utopia?

A scuola circolava la filastrocca latina "studere studere, post mortem quid valere?", ma oggi il "post mortem" sarebbe da eliminare. «Sono laureata in comunicazione e passo di lavoretto in lavoretto da tre anni». «Collaboro saltuariamente con un grande giornale, mi pagano 50 euro a pezzo. E sono fortunato». Siamo quasi abituati a sentire quotidianamente lamentele simili in tv, in internet, in piazza... siamo quasi abituati anche a lamentarci e siamo quasi abituati ad ironizzare sul futuro precario, sperando magari che tutto si sistemi prima che tocchi a noi. Ma quando questo futuro si avvicina, quando la laurea non viene più vista come un traguardo ma come un punto di partenza, è il caso di rimanere tra queste abitudini? La disoccupazione giovanile ha toccato vette del 30% e spesso l'unico modo di procurarsi un reddito è accettare dei "macjob", lavori precari, sfruttati e malpagati. È questa la realtà che ci circonda e non è questo a cui aspira chi studia meritevolmente facendo anche sacrifici economici per mantenersi (non indifferenti di questi tempi). Il 7,5% dei laureati, cinque anni dopo avere preso il diploma, non ha ancora trovato un lavoro. Il salario medio di un laureato italiano, sempre a un quinquennio dal diploma, è di 1.600 euro. In Francia è di 2.200, in Germania addirittura di 3.700. Per questo chi può scappa all’estero. Oppure si rifugia nello studio a vita: se nel 1996 meno di un quarto della popolazione fra i 25 e i 29 anni era ancora alle prese con libri ed esami, oggi la percentuale è salita al 35%, oltre uno su tre. Questi, spesso, restano numeri o dati astratti assimilati dai mass media. Ma quando in primis i propri genitori, dopo anni di carriera lavorativa, si ritrovano in cassa integrazione a lottare doppiamente per arrivare a fine mese e mantenere anche i propri figli all'università? Mentre i figli studiano per un futuro migliore, i genitori di oggi lottano per il loro presente e per questo disilluso futuro. Quanto a lungo può durare questa battaglia? Ebbene, i giovani sono stanchi di essere "professionisti del dubbio" (dal titolo del libro di Alessandro Barbano) e l'instabilità non può perdurare senza generare svolte. Molti docenti universitari hanno speso minuti, se non ore, delle loro lezioni per sensibilizzare gli studenti ad affrontare coscienziosamente questa tematica: "E poi cosa farete? E come farete? Secondo voi i Master sono utili oppure sono solo un limbo dove rinchiudersi a temporeggiare?", ci domandano. Il silenzio nelle aule parla da sè. Le risposte non le abbiamo, le cerchiamo in chi ci dice di avere fiducia invece di darci certezze. Si è consapevoli che una laurea o un master non fa più la differenza (qualora ci si possa permettere il master), che non si ottiene quel che si spera nonostante impegno e dedizione come anni fa. Oggi tutto è moltiplicato: moltiplicate le tecnologie, le reti comunicative, moltiplicate le opportunità... ma moltiplicati sono anche, di pari passo, gli aspiranti a tali opportunità ormai prive di selezioni adeguate. E quando le uniche certezze sono queste, è doveroso lodare chi non si arrende, chi ci crede ancora nel miglioramento e non abbandona la costruzione del proprio futuro nonostante il timore sconfortante che il vano che si respira attorno possa far crollare tutto nell'arrendersi e nell'accontentarsi. Ma anche questa battaglia di speranza quanto può durare? 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
L'università di Federica

Studentessa di Scienze della Comunicazione scritta e ipertestuale. Vivo a Parma da tre anni, quindi fuori sede, originaria della provincia di Bari. Ho lasciato il mio paesino fatto di trulli e ulivi dall'età di diciotto anni: valigia alla mano colma di tante aspettative per intraprendere l'avventura universitaria in una città tutta nuova per me, ma che ormai mi vede crescere semestre dopo semestre e che sento sempre più mia. Quella sensazione nota ai fuori sede, di sentirsi un po' a metà fra due realtà, ormai mi appartiene: mi manca il mio paese quando son qui e quando sono nel mio paese mi manca Parma, con tutto quello che di bello mi regala anno dopo anno. Indipendenza, responsabilità, libertà… e poi ci sono gli amici, i compagni di studentato e di facoltà! Insomma, la mia valigia ha fatto spazio a tante esperienze e consapevolezze nuove.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento