Università

Università

Onore al Dipartimento di Chimica: la nomina della Prof.ssa Catellani

Il prestigio delle "Catellani reaction" viene riconosciuto dal Presidente dell'Accademia Nazionale dei Lincei

Marta Catellani è una professoressa ordinaria di Chimica Industriale presso la Facoltà di Scienze dell'Università di Parma, dove si è laureata in Chimica nel 1971. Ha effettuato stages a Chicago (1977-78), a Sheffield (1985), a Tsukuba (1990) oltre a soggiorni come visiting professor presso il Dipartimento di Chimica dell'Università di Mosca (1992), presso il Beijing Institute of Technology, (2004) e presso l'Università di Xi'an (2004). Autrice di oltre 120 lavori scientifici su riviste internazionali e di alcuni brevetti d'invenzione industriale, è attualmente il Direttore del Dipartimento di Chimica Organica e Industriale dell'Università di Parma. La sua elezione a Socio corrispondente all'Accademia dei Lincei, decretata dal Presidente Lamberto Maffei, è motivo di grande soddisfazione non solo per il suo gruppo di ricerca, ma anche per i Dipartimenti di Chimica, per la Facoltà di Scienze MM.FF.NN. e per tutta l’Università di Parma, che vede aggiungersi il nuovo Socio ad altri tre suoi docenti eletti dal 1988 in poi (il Prof. Gian Paolo Chiusoli, che ha condotto studi pionieristici sulla catalisi con palladio, il Prof. Arturo Carlo Ottaviano Quintavalle, insigne storico dell’arte e medievalista, e il Prof. Giacomo Rizzolatti, autore della scoperta dei neuroni specchio). L’Accademia dei Lincei, fondata nel 1603 da Federico Cesi, è la più antica accademia del mondo che annoverò tra i suoi primi Soci Galileo Galilei. Fine istituzionale dell’Accademia  è “promuovere, coordinare, integrare e diffondere le conoscenze scientifiche nelle loro più elevate espressioni nel quadro dell’unità e universalità della cultura”. Questo prestigioso riconoscimento si deve all’altissima qualità della sua produzione scientifica, culminata con la scoperta di un gruppo di reazioni che si sono diffuse in tutto il mondo con il nome di “Catellani reactions” che consistono in un doppio sistema catalitico senza precedenti: formato da un metallo (il palladio) e da un particolare idrocarburo insaturo. Così, attraverso complesse interazioni, si riescono a mettere insieme molecole diverse secondo un ordine ben definito, impartendo loro una precisa disposizione spaziale. In questo modo, partendo da molecole semplici e largamente disponibili, la Prof.ssa Catellani è riuscita ad ottenere classi di molecole complesse tra cui figurano alcune di notevole interesse farmaceutico. Si è osservato che il gruppo di ricerca diretto dalla Prof.ssa Catellani, di cui fanno parte due Ricercatori, Elena Motti e Nicola Della Cà, e alcuni studenti in tesi di laurea, ha il merito di aver portato avanti una notevole mole di lavoro altamente originale pur con finanziamenti certamente non confrontabili con quelli di cui godono i ricercatori di altri Paesi. Dunque, il suddetto premio, va sia all’eccezionale rigore scientifico della Prof.ssa Catellani, ma anche all'originalità del suo gruppo. Si tratta, infatti, della prima donna che entra a far parte del gruppo chimico (tradizionalmente di predominio maschile fino a pochi decenni fa). 

L'università di Federica

Studentessa di Scienze della Comunicazione scritta e ipertestuale. Vivo a Parma da tre anni, quindi fuori sede, originaria della provincia di Bari. Ho lasciato il mio paesino fatto di trulli e ulivi dall'età di diciotto anni: valigia alla mano colma di tante aspettative per intraprendere l'avventura universitaria in una città tutta nuova per me, ma che ormai mi vede crescere semestre dopo semestre e che sento sempre più mia. Quella sensazione nota ai fuori sede, di sentirsi un po' a metà fra due realtà, ormai mi appartiene: mi manca il mio paese quando son qui e quando sono nel mio paese mi manca Parma, con tutto quello che di bello mi regala anno dopo anno. Indipendenza, responsabilità, libertà… e poi ci sono gli amici, i compagni di studentato e di facoltà! Insomma, la mia valigia ha fatto spazio a tante esperienze e consapevolezze nuove.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Torna su
ParmaToday è in caricamento