Folle gioco tra i 13enni: attraversano i binari con il treno in corsa

Intervista al sindaco di Sorbolo Nicola Cesari, che ha lanciato l'allarme su Facebook: "Chiediamo la collaborazione dei cittadini che vedono i ragazzini compiere questi gesti"

Dopo la pericolosissima pratica del fingere di essere investiti dalle auto in corsa alcuni ragazzini di 13-14 anni di Sorbolo stanno portando avanti un altro terribile 'gioco': attraversare i binari del treno poco prima che passi il convoglio. Da un momento all'altro potrebbe esserci una tragedia e la comunità di Sorbolo si è mobilitata, a cominciare dal sindaco Nicola Cesare, per cercare di porre fine a queste pratiche, molto pericolose per tutti i cittadini. Dopo gli allarmi diffusi tramite la sua pagina Facebook abbiamo parlato con il primo cittadino di Sorbolo. 

nicolacesarisindacosorbolo-2

Sorbolo. Dopo il lancio sotto le auto ora sembra che qualche 13enne attraversi i binari poco prima del passaggio del treno. Cosa ne pensa il sindaco Cesari? 

"Quello che è successo è un fatto gravissimo, che purtroppo si è già verificato con modalità diverse. Credo che non si debbano sottovalutare questi fenomeni perchè parlare di ragazzi che attraversano i binari con il treno in corsa sembra più una cosa da film ma invece è la realtà. I ragazzi apprendono da internet queste pratiche pericolosissime che vanno sempre denunciate. Noi chiediamo la collaborazione dei cittadini che vedono i ragazzini compiere questi gesti: così riusciamo a risalire ai responsabili per poi parlare con i genitori. Possono farlo in ogni momento, in ogni luogo e noi non ci siamo. Dobbiamo intervenire sul fatto". 

L'Amministrazione Comunale come può intervenire? 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"E' giusto che un'Amministrazione Comunale si attivi perchè i cittadini sono a rischio: non solo i ragazzi delle scuole medie che compiono questi gesti ma anche l'incolumità dei cittadini stessi. E' un pericolo per tutti: dobbiamo risalire assolutamente ai responsabili. Purtroppo ci sono questi social che portano i ragazzi a sperimentare delle pratiche da censura, non credo sia uno sfidare le Istituzioni ma al contrario siamo noi che dobbiamo denunciare i fatti. Fare finta di niente, non dire quello che sta accadendo è come essere omertosi rispetto ad un problema sociale molto grande". 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

Torna su
ParmaToday è in caricamento