menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Liberazione, ordinanza del sindaco: divieto di vendita di cibi e bevande in contenitori di vetro

E' stata però stabilita una deroga per gli avventori seduti ai tavoli degli esercizi con plateatico. L'Ordinanza è finalizzata a prevenire episodi di vandalismo connessi all'abbandono, dopo l'uso, di contenitori di bevande in vetro o in lattine di alluminio

Il sindaco ha firmato un'ordinanza che  stabilisce il divieto assoluto di somministrazione e vendita di alimenti e bevande in contenitori di vetro o in lattine, prevedendone la sostituzione con contenitori di carta o plastica in occasione della manifestazione organizzata in Piazza Garibaldi per il 25 Aprile 2015. E' stata però stabilita una deroga per gli avventori seduti ai tavoli degli esercizi con plateatico. L’Ordinanza è finalizzata a prevenire episodi di vandalismo connessi all’abbandono, dopo l’uso, di contenitori di bevande in vetro o in lattine di alluminio e i rischi derivanti dall'abbandono dei contenitori stessi. Le attività interessate sono pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande (bar-ristoranti), attività commerciali in sede fissa e itinerante e attività artigianali di vendita di beni alimentari di produzione propria.

L’Orario di applicazione è dalle ore 11 del 25 aprile  fino alle ore 2 del 26 aprile. Il perimetro di applicazione è delimitato dalle seguenti strade: B.go G. Tommasini, Via N. Sauro, Strada Cavestro, Piazza della Steccata, Via Mameli, Via Mistrali, Borgo XX Marzo. Gli esercenti  sono autorizzati alla collocazione di erogatori di bevande alla spina all’esterno dei locali, ai sensi del vigente Regolamento per la convivenza, trattandosi di una particolare ricorrenza rilevante per un intero comparto, sempre purché la somministrazione di alimenti e bevande avvenga in contenitori di carta o plastica.
L’inottemperanza all’ordinanza rappresenta illecito amministrativo ed è punibile con la sanzione amministrativa pecuniaria da Euro 25 ad Euro 500, con pagamento in misura ridotta pari ad Euro 50. La vigilanza è affidata alla Polizia Municipale e alle Forze di Polizia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento