Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cronaca

Il mistero della 75enne scomparsa da più di 24 ore: nessuna traccia

La donna non si trova: ricerche anche con i droni

È scomparsa da più di 24 ore la donna di 75 anni, dispersa da ieri pomeriggio, 2 giugno, sul monte Penna.

Le ricerche proseguiranno fino tarda notte. Sul posto oltre ai carabinieri sono impegnate 5 squadre del Soccorso Alpino e Speleologico stazione Monte Orsaro, con un'unità cinofila. Una squadra del Soccorso Alpino e Speleologico stazione del Tigullio (Liguria) con una unità cinofila. La Protezione Civile di Parma con i droni.

Il campo base è stato fatto all’interno del Rifugio Monte Penna dove stanno lavorando, per quanto riguarda la tracciatura delle zone di ricerca, dei Tecnici in cartografia e topografia COR (Coordinatore Operazioni di Ricerca) del CNSAS.

F.to.-2

Non si trova la donna di 75 anni, scomparsa dalle ore 18.30 di ieri, 2 giugno nella zona del monte Penna, nel comune di Bedonia. Le ricerche, dopo l'interruzione nel corso della notte, sono riprese nella mattinata del 3 giugno, a partire dalle ore 7. Sul posto da ieri, gli operatori del Soccorso Alpino e Speleologico della stazione del Monte Orsaro - che ha mantenuto nell’area un presidio di guardia per tutta la notte. Questa mattina si sono aggiunti alla ricerca oltre alla stazione CNSAS di Parma, la Protezione Civile di Parma con i Droni e una squadra del Soccorso Alpino e Speleologico Ligure (Tigullio) e i carabinieri. 

La donna, che si era recata in zona per fare una passeggiata con il marito ed il figlio, ha proseguito da sola verso le 15.30 senza cellulare. Alle 18.30, non vedendola tornare, i famigliari hanno allertato i soccorsi. Intorno alle 19.20 sono arrivate sul posto le prime due squadre partite da Borgotaro: hanno iniziatosubito le ricerche partendo del punto dove i due coniugi si sono divisi. Nel frattempo sono arrivate altre due squadre e un cinofilo.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mistero della 75enne scomparsa da più di 24 ore: nessuna traccia

ParmaToday è in caricamento