Cronaca

Abusi sulla nipotina di 7 anni: nonno 'orco' di 67 anni condannato a 4 anni e mezzo

Due storie di violenza, due mostri in famiglia. La prima triste vicenda riguarda una bambina di 7 anni vittima degli abusi del nonno, la seconda riguarda un 45enne che per 7 anni, a Medesano, ha maltrattato pesantemente la moglie.

Un'altra storia di violenza. La drammatica vicenda riguarda una bambina di 7 anni vittima degli abusi del nonno, 67enne residente in provincia di Parma, oggi condannato a 4 anni e 6 mesi per violenza sessuale su minori, con l'interdizione per 5 anni dai pubblici uffici e dagli uffici per la tutela e la cura dei minori. Il giudice ha poi fissato anche una provvisionale per la madre della piccola di 10 mila euro, mentre per entrambi i genitori ci sarà un risarcimento di cui dovrà essere fissata la cifra.

L'incubo per la bambina è finito l'estate scorsa, quando la piccola ha raccontato alla nonna paterna quanto accadeva tra le mura domestiche ogni volta che vedeva il nonno il quale si faceva toccare e le mostrava anche materiale pornografico. La donna a sua volta ha riferito tutto alla madre della bimba che ha denunciato l'uomo. Quando il 67enne è stato interrogato ha confessato tutto e per questo motivo gli sono state concesse le attenuanti generiche.

La Procura di Parma ha chiesto e ottenuto l'immediato arresto dell'uomo che ha ammesso e confessato le sue colpe e responsabilità. Il Pm ha condannando l'imputato a quattro anni e sei mesi di reclusione con rito abbreviato, più l'interdizione per cinque anni dai pubblici uffici e l'interdizione perpetua dagli uffici riguardanti la tutela e la curatela di minori.

E' stato anche disposto un risarcimento da valutare in separato giudizio per il padre e la madre della bambina, che si sono costituiti entrambi parte civile. Per la mamma, inoltre, il giudice ha fissato un risarcimento di 10mila euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusi sulla nipotina di 7 anni: nonno 'orco' di 67 anni condannato a 4 anni e mezzo

ParmaToday è in caricamento