menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agenzia delle Entrate, presidio di Fermare il declino: "Basta sprechi di Stato"

"Basta sprechi di Stato, basta tasse per pagarli", con questo messaggio, il movimento politico "Fare per fermare il declino" ha organizzato questa mattina un presidio davanti all'Agenzia delle Entrate, nella sede di strada Quarta

“Basta sprechi di Stato, basta tasse per pagarli”, con questo messaggio, il movimento politico “Fare per fermare il declino” ha organizzato questa mattina un presidio davanti all’Agenzia delle Entrate, nella sede di strada Quarta, a Parma. L’iniziativa si è svolta contemporaneamente nelle altre città dell’Emilia-Romagna e di altre regioni italiane. I militanti di Fare, che si sono alternati durante tutta la mattinata, hanno parlato con artigiani, imprenditori, giovani laureati che si sono messi in proprio per creare una società. Per tutti la lamentela è la stessa: troppa burocrazia e troppe tasse, che finiscono per premiare chi non fa, e penalizzare chi investe e lavora in questo Paese. 

“La classe politica e gli apparati dello Stato dimostrano ogni giorno di non voler rinunciare a sprechi, privilegi e ingiustizie. – si legge nel manifesto firmato dal movimento Fare per fermare il declino - Siamo stanchi di pagare con le nostre tasse la loro incapacità e la loro malafede. In campagna elettorale, Destra e sinistra ci hanno preso in giro con finte contrapposizioni e adesso sono al Governo insieme pur di difendere i loro interessi, mentre i grillini discutono di scontrini e lotte interne.


Le aziende chiudono e chi perde il lavoro non lo ritrova più, chi aveva dei risparmi li ha bruciati per sopravvivere, mentre i più deboli e disperati decidono di farla finita. Basterebbe allineare la nostra spesa pubblica a quella tedesca e ridurre il debito pubblico cedendo la parte improduttiva del patrimonio dello Stato per risparmiare ogni anno decine di miliardi di euro di spesa e quindi di tasse. Basterebbe solo questo per eliminare l’aumento dell’IVA, ma anche tutta l’IRAP che strozza la nostra economia e una buona fetta delle tasse sui redditi che non ci fanno arrivare a fine mese! Stanno riducendo la nostra società in macerie, dobbiamo fermarli”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Prenotazioni per chi ha dai 60 ai 64 anni: a Parma 28 mila persone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Eventi

    "Interno Verde": alla ricerca dei giardini segreti di Parma

  • Attualità

    Un nuovo pulmino per la Pubblica in nome di Tommy

Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento