Lega Nord: "Banchetto distrutto, siamo stati aggrediti"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Manifesti strappati, volantini stracciati, gadget distrutti, tavoli  e sedie spaccati. Questo il risultato del non certo pacifico raid vandalico messo in opera a Parma da venticinque aderenti ai centri sociali nei confronti di un banchetto della Lega Nord. Lo denunciano Maurizio Campari, commissario provinciale della Lega a Parma e Fabio Rainieri, segretario nazionale del Carroccio in Emilia. “I nostri militanti – spiegano Rainieri e Campari – stavano raccogliendo le firme a sostegno dei quesiti referendari depositati dal Carroccio e stavano spiegando ai parmigiani la linea della Lega Nord in occasione delle prossime elezioni europee. Tutto stava andando per il meglio quando a un certo punto 25 aderenti ai centri sociali hanno aggredito i militanti distruggendo tutto quello che capitava loro a tiro. Solo l’intervento immediato di una quindicina di agenti delle forze dell’ordine allertati da chi ha assistito alla scena ha evitato il peggio. Ma il bilancio alla fine del raid lascia l’amaro in bocca”.
“I nostri militanti – sottolinea Campari – avevano un regolare permesso e non hanno reagito alle accuse, alle minacce e all’aggressione dei facinorosi. Ma così non si può andare avanti. In città deve essere garantita la sicurezza. E questi episodi non vanno certo in quella direzione. E che non si dica che i nostri hanno offeso o provocato nessuno. Speriamo, invece, che le forze dell’ordine vogliano acquisire i filmati delle telecamere di sicurezza della Provincia di Parma che probabilmente hanno ripreso il tutto”.
“Durissimo Fabio Rainieri, segretario nazionale della Lega in Emilia. Sono dei conigli coglioni. Da soli fanno le pecorelle smarrite, in gruppo attaccano donne e anziani colpevoli di avere sostenuto le idee dellaLega. Perché, invece di menare le mani non partecipano a un dibattito pubblico sul futuro di parma e sulle linee guida del nostro Paese? Se vogliono confrontarsi con noi nei fati e non con la violenza, siamo disposti a farlosubito”.
Poi un invito al sindaco: “Pizzarotti ha revocato alla Lega alcuni permessi in centro e invece li ha garantiti ai facinorosi. Quelli che ora attaccano i nostri banchetti. Delle due l’una – concludono Rainieri e Campari -, o a Pizzarotti va bene quello che sta accadendo o è il caso che intervenga. Non vorremmo infatti che davanti alle aggressioni alla Lega qualcuno finga di non vedere quello che accade”.

Torna su
ParmaToday è in caricamento