Cronaca

Razzismo, donna denuncia: "Picchiata da un autista della Tep"

L'episodio, che dovrà essere verificato dagli inquirenti, risale a sabato verso le 19.30 al capolinea dell'autobus 13. La donna, di origine marocchina, ha un polso ingessato e un trauma alla spalla sinistra

Razzismo a Parma. Da tempo queste 2 parole non si sentivano accostate in modo così netto. Ma se questa nuova storia di aggressione dovesse essere verificata farebbe precipitare la città ai tempi bui dell'aggressione ed il pestaggio di Emanuel Bonsu, ai nuclei speciali di Vigili Urbani e al concetto di 'sicurezza' di Costantino Monteverdi. Questa volta si tratta di una donna. La sua colpa? Secondo la ricostruzione fatta dalla vittima quella di essere di origine marocchina.

Capolinea del 13. Ore 19.30 di sabato sera. Una donna rimane sola sull'autobus. Con lei solo l'autista. Dopo poco tempo la donna, di origine marocchina che lavora come interprete in un ufficio pubblico a Parma, è stata soccorsa dal 118 e trasportata al Pronto Soccorso con il polso sinistro ingessato. Il referto è chiato: ha un trauma contusivo-distorsivo alla spalla, al gomito e alla mano sinistra.


La donna ha reso pubblica la vicenda, denunciando di essere stata aggredita dall'autista di quell'autobus: "Quell'autista della Tep mi ha picchiata. Quando gli ho chiesto l'orario di partenza dell'autobus mi ha insultato con frasi razziste 'Fuori dai coglioni, avete rotto il cazzo, stranieri di merda' e gli ho risposto che sono cittadina italiana e che non poteva umiliarmi così. A quel punto mi ha afferrato per il braccio sinistro e mi ha aggredito. Poi mi ha anche tirato calci sull'anca". La storia dovrà essere verificata dagli inquirenti: la donna si recherà in questura per sporgere denuncia contro l'autista dell'autobus.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Razzismo, donna denuncia: "Picchiata da un autista della Tep"

ParmaToday è in caricamento