rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca Oltretorrente / Piazzale Santa Croce

Aggressione razzista in piazzale Santa Croce: calci e pugni al titolare e al dipendente di un kebab

Alcuni giovani hanno prima insultato il 30enne con frasi come "Negro di m.", poi l'hanno aggredito. Il titolare 50enne è giunto sul posto ma è stato anch'esso aggredito: 15 giorni di prognosi per entrambi

Un'aggressione a sfondo razziale nel cuore del quartiere Oltretorrente, in piazzale Santa Croce. Un dipendente 30enne di un kebab, originario della Costa d'Avorio, che lavora da anni in via d'Azeglio, sarebbe stato aggredito da un gruppo di giovani verso l'una di notte di qualche giorno fa. L'uomo, che ha sporto denuncia alla polizia contro ignoti, ha riportato ferite giudicate guaribili in quindici giorni. Il lavoratore, che aveva appena finito il suo turno di lavoro, si stava recando in piazzale Santa Croce quando all'improvviso un gruppo di giovani, parzialmente travisati da berretti neri, lo ha prima insultato  con epiteti come 'Negro di m.' e poi aggredito fisicamente. A quel punto il giovane è riuscito a chiamare il titolare del negozio, che si trova a pochi metri in via d'Azeglio ed è molto noto in zona: l'uomo, un 50enne, è arrivato sul posto ed ha tentato di fermare gli aggressori: le botte però sono arrivate anche a lui. Dopo la chiamata alla polizia il gruppetto si è dileguato, facendo perdere le proprie tracce. Il consigliere aggiunto Marion Gajda ha parlato dell'episodio in Consiglio comunale denunciando il susseguirsi di episodi razzisti nella nostra città: " Parma non è una città razzista e i parmigiani si sono sempre distinti per l’accoglienza. Chiedo alle forze politiche che fomentano questa intolleranza verso gli stranieri di fermarsi". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aggressione razzista in piazzale Santa Croce: calci e pugni al titolare e al dipendente di un kebab

ParmaToday è in caricamento