Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Sindacati contro Aipo, Ventura: "Scelte incoerenti a scapito dei lavoratori"

La segretaria regionale FP Cgil Adele Ventura spiega a ParmaToday le ragioni della polemica nei confronti della direzione Aipo: "Scelte che privilegiano i vertici a scapito del personale e dei cittadini"

Una netta presa di posizione di sindacati e RSU contro le modalità di gestione interne all'Agenzia Interregionale del fiume Po quella manifestata con un comunicato diffuso e confermata anche dalla segretaria FP Cgil Emilia Romagna Adele Ventura. Sotto accusa la gestione del personale e la mancanza di un rinnovamento necessario nell'organizzazione interna, privilegiando, a detta dei sindacati, i vertici dell'agenzia a scapito del personale e degli stessi cittadini, per gli inevitabili disservizi dovuti a personale tecnico sotto utilizzato o mancanza di un numero sufficiente di sorveglianti idraulici a presidio del territorio.

"Alla luce delle lunghe vicende che ci hanno visto in prima linea nel presentare richieste di chiarimenti sulla situazione Aipo già con il precedente direttore, ora è quanto mai urgente porre l'attenzione sulle scelte di organizzazione interna portate avanti, basate non certo nell'ottica del risparmio e delle reali esigenze dell'Agenzia - racconta a ParmaToday Adele Ventura Fp Cgil Emilia Romagna -. Ci aspettavamo, con il cambio dirigenziale, dopo lo stop iniziale una nuova partenza maggiormente propositiva, con la possibilità di ragionare sulle modalità di incremento delle nuove assunzioni e una riorganizzazione interna per andare maggiormente incontro alle esigenze dei cittadini. Così non è stato e ci troviamo davanti a un rinnovo generalizzato senza alcun intervento nelle posizioni di responsabilità a scapito degli altri lavoratori, senza alcuna coerenza con le reali necessità che dovrebbe avere l'Aipo, soprattutto se si considera la previsione dell'assunzione di due nuovi funzionari con posizioni organizzative, che inciderà sulle competenze accessorie determinando una riduzione salariale a scapito di tutto il personale".

Le ripercussioni delle scelte organizzative interne dell'Aipo, secondo i sindacati, si ripercuoteranno pesantemente non solo sul personale, ma anche sui cittadini, con conseguenze nel presidio del territorio, non per mancanza di personale ma per scelte "poco coerenti con le reali esigenze dell'Agenzia interregionale del Po". La speranza dei sindacati, come sottolineato dalla segretaria regionale Adele Ventura, è che il vicedirettore Aipo accolga le richieste di un incontro urgente per poter aprire un confronto tra le parti, "nell'interesse non solo dei lavoratori, ma di tutti i cittadini".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sindacati contro Aipo, Ventura: "Scelte incoerenti a scapito dei lavoratori"

ParmaToday è in caricamento