menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Al Piccole Figlie Hospital tuttora aperto il reparto Covid: premio ai dipendenti di mille euro

"Il reparto dedicato è stato ridotto nei numeri ma continuiamo, almeno per tutta la settimana, ad assistere e curare i malati, senza affrettare le dimissioni” dice l’amministratore delegato Roberto Gallosti

Piccole Figlie Hospital è tuttora in prima linea nell’assistere e curare i pazienti affetti da coronavirus. “Ad oggi stiamo ancora rappresentando un presidio importante a Parma nella lotta al Covid-19; il reparto dedicato è stato ridotto nei numeri ma continuiamo, almeno per tutta la settimana, ad assistere e curare i malati, senza affrettare le dimissioni” dice l’amministratore delegato Roberto Gallosti. In relazione allo straordinario sforzo del proprio personale nell’accoglienza e la cura di casi Covid-19, Piccole Figlie Hospital ha erogato un premio una tantum di 1.000 euro con la busta paga di aprile. ”Il personale di Piccole Figlie Hospital ha dato una prova di grande professionalità e senso di responsabilità quando a inizio marzo si è reso disponibile proattivamente ad accogliere casi Covid-19, che stanno trattando egregiamente sotto la responsabilità del direttore sanitario Giorgio Bordin. Si tratta di un lavoro di squadra, di medici, infermieri, tecnici e amministrativi. C’è di che essere orgogliosi” commenta Gallosti. Il riconoscimento economico, erogato a chi è direttamente coinvolto nell’emergenza Covid-19, è reso possibile anche dal contributo del Comitato Piccole Figlie Hospital, che su base volontaria sta raccogliendo importanti donazioni attraverso il sito www.comitatopfh.it. “Siamo molto grati al Comitato, ed al presidente avv. Nicola Bianchi, per il sostegno in questo momento critico. Le prime somme raccolte sono andate ai veri protagonisti della battaglia al Coronavirus: le donne e gli uomini in prima linea” sottolinea Gallosti. Piccole Figlie Hospital ha sempre garantito la separazione e l’isolamento del reparto Covid dal resto della struttura, adottando scrupolosamente tutti i DPI necessari per la tutela della salute e della sicurezza del personale, in ogni area di lavoro. Nelle scorse settimane, seguendo le disposizioni della Regione Emilia-Romagna e aderendo al protocollo regionale, in diretto e costante contatto con l’AUSL di Parma, ha attivato la procedura di screening. Al momento, nell’attesa della restituzione degli esiti, permane il costante monitoraggio del personale al lavoro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

I 4 ristoranti a Parma: ecco quali sono i locali visitati

Attualità

Blok 30, il nuovo centro polifunzionale di Parma

Attualità

Scuole: a Parma riapriranno il 18 gennaio

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 56 nuovi contagi e 2 morti

  • Cronaca

    Covid: a Parma e provincia vaccinate quasi 14.500 persone

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento