"Addio Alessia, che tu ora possa trovare la serenità"

Il ricordo di Alessia Zambrelli, stroncata da una grave malattia a soli 18 anni

Alessia Zambrelli è morta a soli 18 anni, dopo una lunga lotta contro una grave malattia. Nella notte tra il 13 ed il 14 febbraio la giovane promessa del basket parmigiano, che frequentava il quinto anno Sportivo del Liceo Bertolucci di Parma è spirata. Un notizia che ha scosso tantissime persone, oltre alla sua famiglia: i compagni di squadra, i compagni di classe, i professori. Alessia era una ragazza solare, disponibile con tutti. 

I messaggi sono arrivati anche dall'Istituto Comprensivo Bocchi e dalla società Us Carignano: "Condoglianze alla famiglia Zambrelli da parte di tutto il personale docente e non della scuola primaria Racagni. Ricordiamo Alessia come una bimba dolcissima, oggi bellissima ragazza. La notizia ci addolora tantissimo. Che tu possa trovare la serenità che ti é mancata in questi ultimi anni della tua vita. 

"La società US Carignano si unisce al dolore di Gianluca Zambrelli - indimenticato allenatore della prima squadra giallorossa dal 2006 al 2009 - e di tutti i suoi cari per la tragica scomparsa della giovane figlia Alessia. In questo momento di profondo sconforto, desideriamo rivolgere le più sentite condoglianze alla famiglia Zambrelli".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non ti ho conosciuto personalmente Alessia - scrive Antonio Rizzo - ma una cosa sicuramente avevamo in comune: un amore incondizionato per il basket, quell'amore che una ragazza così giovane può riversare con tutte le energie che la tua giovane età ti ha permesso di esprimere. Il tuo male ti ha strappata dall'affetto di chi ti ha conosciuta ed apprezzata indifferentemente dalla maglia che indossavi, ed ora giocherai con la maglia che vorrai, con Greta, Fatim, Susanna, Simone, Kobe e la sua piccola, e tanti altri ragazzi giovani e meno giovani che hanno lasciato il loro ricordo ed il loro affetto a chi piange la loro assenza... Ciao Alessia, porta il mio saluto a Greta, Fatim, Susanna e Simone e dì loro che mi mancano". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

Torna su
ParmaToday è in caricamento