rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca

Muore nel sonno a 25 anni: lavorava come operaio in un cantiere di Sorbolo Mezzani

Alessio Minelli, padre di due bambini è deceduto probabilmente a causa di un arresto cardiocircolatorio

Alessio Minelli, un operaio di 25 anni impegnato nei lavori di smaltimento dell'ex cementificio di Sorbolo Mezzani, è stato trovato senza vita nell'appartamento in cui si era trasferito per qualche giorno a Sorbolo Levante di Brescello, in provincia di Reggio Emilia: a trovarlo esanime nel letto proprio gli altri operai che erano con lui, che hanno dato l'allarme mercoledì ancora prima dell'alba. Erano circa le 6 quando ormai si era capito di essere di fronte a una tragedia.

Inutili i tentativi di rianimarlo. Il giovane Alessio Minelli, 25 anni e padre di due bambini, era già morto: probabilmente a causa di un arresto cardiocircolatorio. I primi accertamenti avrebbero confermato dei pregressi problemi di salute. La magistratura ha previsto ulteriori accertamenti medico-legali, ma non l'autopsia: dunque a breve la salma sarà messa a disposizione dei familiari.

Il dolore di moglie e figli piccoli
A casa l'aspettavano la moglie e due figli ancora piccoli, oltre ai genitori e alla sorella minore. Alessio Minelli abitava a Darfo Boario Terme, e da sempre faceva l'operaio edile: in questi giorni era impegnato nei lavori di smaltimento dell'ex cementificio di Sorbolo Mezzani. Per la cronaca, è lo stesso cantiere in cui un altro bresciano aveva perso la vita, in un drammatico incidente sul lavoro: il 49enne Gianluca Fanchini, precipitato nel vuoto per oltre 4 metri.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Muore nel sonno a 25 anni: lavorava come operaio in un cantiere di Sorbolo Mezzani

ParmaToday è in caricamento