menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Contratto alimentare, salta la trattativa: sciopero nazionale il 29 gennaio

Luca Ferrari, segretario generale FLAI CGIL Parma, ha commentato a caldo la notizia dell’interruzione della trattativa: “Questa notte è maturata una rottura incomprensibile. Il settore alimentare non ha bisogno di queste tensioni e i lavoratori meritano il rinnovo del contratto, scaduto da due mesi"

"Si è interrotta questa notte -si legge in una nota dei sindacati- la trattativa per il rinnovo del Ccnl industria alimentare, scaduto il 30 novembre e che interessa circa 400.000 lavoratori. FAI CISL, FLAI CGIL e UILA UIL giudicano insoddisfacenti le risposte fornite dalla controparte sul tema del salario e su alcune richieste contenute in piattaforma relative a istituti fondamentali del contratto.
 
FAI, FLAI e UILA giudicano, in particolare, inaccettabile la pretesa di Federalimentare di voler concludere un accordo basato esclusivamente sulla penalizzazione complessiva delle retribuzioni a partire dal blocco degli scatti di anzianità e dall'eliminazione dei premi di produzione congelati.
 
Dopo 14 incontri tecnici, iniziati nel mese di settembre, era stata programmata una seduta plenaria a oltranza di due giorni ma, durante una di queste sessioni, nella notte dell'11 gennaio, una parte della delegazione trattante di Federalimentare si è resa irreperibile. Questo comportamento ha ulteriormente esacerbato il clima della plenaria, alla quale hanno partecipato oltre 150 delegati provenienti da tutta Italia, che ha stigmatizzato l'atteggiamento della controparte che non vuole concedere nulla, malgrado il buon andamento del settore, testimoniato dai dati economici più recenti.
 
Pertanto, la delegazione trattante, unitamente alle rappresentanze nazionali di FAI, FLAI e UILA, ha deciso di interrompere le trattative e di proclamare lo stato di agitazione del settore, con l'immediato blocco degli straordinari e di tutte le flessibilità e di programmare un fitto calendario di assemblee in tutti i luoghi di lavoro, un pacchetto di 4 ore di sciopero articolato a livello aziendale da effettuarsi entro il 22 gennaio e 8 ore di sciopero nazionale il 29 gennaio.
  

Luca Ferrari, segretario generale FLAI CGIL Parma, ha commentato a caldo la notizia dell’interruzione della trattativa: “Questa notte è maturata una rottura incomprensibile. Il settore alimentare non ha bisogno di queste tensioni e i lavoratori meritano il rinnovo del contratto, scaduto da due mesi. A Parma la mobilitazione sarà capillare e coinvolgerà i 15 mila addetti del settore”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Attualità

Covid: a Parma quasi 44 mila vaccinazioni

Salute

Come calcolare l'Indice di Massa Corporea

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: più di 170 casi e un morto

  • Cronaca

    Covid: "Negli ultimi giorni abbiamo ricoverato molti giovani"

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento