Allarme bocconi avvelenati al passo del Cirone

I militari dal Nucleo Cinofilo Antiveleno della stazione dei carabinieri Parco di Bosco di Corniglio stanno bonificando l'area: appello a non lasciare liberi i propri cani

Un cercatore di tartufi ha trovato, mentre si trovava nella zona del passo del Cirone, alcuni bocconi avvelenati. L'episodio è avvenuto nella giornata di ieri lunedì 30 novembre: i militari dal Nucleo Cinofilo Antiveleno della stazione dei carabinieri Parco di Bosco di Corniglio sono arrivati sul posto e si sono messi al lavoro.

Nella zona del passo del Cirone, al confine tra Emilia-Romagna e Toscana, il cane labrador “Alma”, condotto dall'appuntato Giulio Silvetrini ed il personale della Stazione hanno immediatamente provveduto ad una attenta ricerca che ha consentito di trovare altri bocconi. Le attività continueranno nella giornata di oggi, 1° dicembre, per bonificare completamente la zona e per cercare di individuare eventuali tracce o testimonianze che possano consentire di individuare l’autore del gesto. 

Si avvisa chiunque si trovi a passare nella zona del Passo del Cirone con cani al seguito, di non lasciarli liberi onde evitare che possano inghiottire eventuali bocconi che, pur essendo stata eseguita un’attenta bonifica, potrebbero ancora essere presenti. Quelli fino ad ora rinvenuti era tutti in prossimità del bordo della strada provinciale che attraversa il passo. Eventuali rinvenimenti dovranno essere tempestivamente segnalati al numero di emergenza ambientale 1515.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I 4 ristoranti a Parma: ecco quali sono i locali visitati

  • Parma in zona arancione: il calendario delle regole nel fine settimana

  • Via al decreto gennaio, restrizioni fino a marzo: vietato uscire dalla regione, solo in due dagli amici

  • Viola il coprifuoco per andare a trovare la fidanzata: giovane multato per 400 euro

  • Firmato il nuovo Dpcm: tutte le restrizioni a Parma dal 16 gennaio al 5 marzo

  • Parma si prepara alla protesta del 15 gennaio: ristoranti aperti contro i divieti

Torna su
ParmaToday è in caricamento