menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dai quartieri - Allarme smog, Morante: "Una domenica al mese senz'auto"

La proposta del consigliere Ipp del quartiere Montanara per ridurre i livelli di inquinamento dell'aria: "Occorre cambiare abitudine, cambiare mentalità. E questo mi sembra il periodo migliore per iniziare a farlo"

Riceviamo e pubblichiamo dal consigliere Ipp del quartiere Montanara, Davide Morante, una lettera-proposta rivolta all'amministrazione comunale e ai cittadini per fare di una domenica al mese un giorno senza auto. Di seguito il testo:

Una domenica senz’auto una volta la mese. E non solo nei mesi invernali. È la mia proposta per “costringere” noi cittadini ad abituarci ad una mobilità diversa: la mobilità sostenibile. Invito il Comune di Parma a valutarla con attenzione e ad attuarla con la speranza che anche altre realtà la adottino.
Qualche anno fa, tale provvedimento fu messo in atto contemporaneamente in tutto il nord Italia.

Anche quest’anno si era pensato di riproporre tale iniziativa: 80 comuni dell’Italia settentrionale sono stati ad un passo dal bloccare la circolazione delle auto contemporaneamente il 27 febbraio 2011.
Presa in via sporadica, solo quando scatta l’allarme smog, però, la domenica senz’auto è solo un palliativo, “un chewing gum usato per tappare un’enorme falla”. Usata in maniera costante può, al contrario, diventare uno strumento per riabituarci a camminare, ad andare in bicicletta, a muoverci con i mezzi pubblici.

I nostri genitori, i nostri nonni, per andare a scuola percorrevano molti chilometri a piedi con qualunque tempo; oggi, invece, ci ostiniamo ad accompagnare i nostri figli con l’auto(magari un potente ed inquinante SUV) fin dentro l’aula, in inverno perché c’è troppo freddo, in estate perché c’è troppo caldo…ovviamente lamentandoci per il troppo traffico con non si sa bene chi. È a noi stessi che dobbiamo rivolgere tale lamentele: l’Italia è lo stato europeo con il più alto tasso di motorizzazione (rapporto tra auto in circolazione e numero di abitanti – fonte Legambiente).

Occorre cambiare abitudine, occorre cambiare mentalità. E il periodo estivo mi sembra il periodo migliore per iniziare a farlo; l’aria è più mite e siamo più propensi ad una camminata o ad una pedalata: sarà meno doloroso essere costretti a lasciare l’auto in garage.
Mi rendo perfettamente conto che, passato l’ “effetto novità” delle prime domeniche, vi sarà un periodo in cui tale obbligo sarà sentito con un certo fastidio. Sono però convinto che con il passare del tempo diverrebbe un’abitudine. Una buona abitudine. Un’abitudine eco-sostenibile che sarà mantenuta anche in altre giornate.

Certamente i comuni dovranno saper adeguate alternative e qualche iniziativa. Che comporteranno sicuramente dei costi. Ricordando, però, che i comuni sono costretti a pagare una multa all’Unione Europea ogni qual volta i livelli d’inquinamento superano determinati parametri, non è detto che non si ottenga comunque un vantaggio economico. Tanto più che tali spese sono da considerare un investimento per la qualità dell’aria e, di conseguenza, per la salute dei cittadini.

Davide Morante

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Parma usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Viaggi in Europa: ecco cos'è il passaporto Covid

Attualità

Covid: a Parma quasi 45 mila vaccinazioni

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Parma scongiura la zona rossa: restiamo arancioni

  • Cronaca

    Covid, record di casi a Parma: + 234 e 5 morti

  • Cronaca

    Parma in zona rossa: oggi si decide

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento