Maltempo, allerta neve della Protezione Civile per 16 ore

Allerta neve della Protezione Civile dell'Emilia-Romagna per 16 ore, dalle ore 8 di giovedì 14 gennaio 2016 fino alla mezzanotte di venerdì 15 gennaio su tutto il territorio regionale, per le province di Parma, Reggio Emilia, Modena, Piacenza, Bologna e Ferrara

Allerta neve della Protezione Civile dell'Emilia-Romagna per 16 ore, dalle ore 8 di giovedì 14 gennaio 2016 fino alla mezzanotte di venerdì 15 gennaio su tutto il territorio regionale, per le province di Parma, Reggio Emilia, Modena, Piacenza, Bologna e Ferrara. 

"Nella giornata di giovedì 14 gennaio -si legge nel testo dell'allerta- l'arrivo di correnti fredde da nord-ovest apporterà delle precipitazioni diffuse sull'intero territorio regionale a partire dai rilievi. Le precipitazioni assumeranno carattere nevoso sui rilievi appenninici centro-occidentali ed in tarda mattinata a quote di alta collina, ma con accumuli di neve sotto la soglia di allertamento. Le attuali previsioni proposte dal Centro Funzionale ARPA SIM, evidenziano un certo grado di incertezza relativo al tipo di precipitazioni sulle zone pedecollinari e sulle pianure occidentali, dove i fenomeni potranno assumere carattere nevoso o di acqua mista a neve. In pianura, nel corso del pomeriggio sulle macroaree H ed F (con maggiore probabilità da Piacenza a Modena), sono previsti probabili accumuli di neve compresi tra 1-5 cm ; sulla fascia di bassa-media collina delle stesse macroaree gli accuumuli di neve sono previsti compresi tra 10-20 cm".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Truffa del Postamat, la maxi indagine riguarda anche Parma

  • Chiamavano i clienti per offrirgli la droga: arrestati tre pusher

  • Pioggia e vento, allerta gialla nel parmense: week end con temperature in discesa

  • Un uomo minaccia di lanciarsi dal viadotto: fermato all'altezza di Fontevivo

  • Maltempo: allerta per piene dei fiumi e frane in Appennino

  • Inciampa, cade e viene attaccata dai rottweiler del figlio

Torna su
ParmaToday è in caricamento