Maltempo, nuova allerta piena per il Po per Parma, Piacenza e Ferrara

Nuova allerta per la piena del Po. L'Agenzia Regionale di Protezione Civile ha diramata la nuova allertta a partire dalle ore 12 di domenica 16 novembre 2014

Nuova allerta per la piena del Po. L'Agenzia Regionale di Protezione Civile ha diramata la nuova allertta a partire dalle ore 12 di domenica 16 novembre 2014. 

"A causa delle intense precipitazioni delle ultime ore -si legge nel documento- che hanno provocato nuovi fenomeni di piena degli affluenti appenninici piemontesi ed in diversi affluenti alpini lombardi e delle possibili ulteriori condizioni di maltempo, che potrebbero coinvolgere anche gli affluenti emiliani, sulla base delle previsioni e delle indicazioni operative di AIPo,  sono previsti significativi innalzamenti idrometrici in tutte le sezioni del fiume Po. Già a partire da queste ore alla sezione di Piacenza si stanno registrando significativi incrementi di livello. Il raggiungimento del colmo di piena nella sezione di Piacenza è previsto nella tarda serata/nottata di oggi con un livello previsto di circa 8 metri, superiore di circa 1 metro rispetto al precedente colmo transitato nella notte tra il 13 e il 14 novembre.  Progressivamente l'effetto delle nuova onda di piena verrà registrato in tutte le sezioni di valle.

Aree o elementi interessati: FIUME PO FE - Comuni di: BERRA (FE); BONDENO (FE); FERRARA (FE); MESOLA (FE); RO (FE); GORO (FE); FIUME PO PC - Comuni di: CALENDASCO (PC); CAORSO (PC); CASTEL SAN GIOVANNI (PC); CASTELVETRO PIACENTINO (PC); MONTICELLI D'ONGINA (PC); PIACENZA (PC); ROTTOFRENO (PC); SARMATO (PC); VILLANOVA SULL'ARDA 
(PC); FIUME PO PR - Comuni di: COLORNO (PR); MEZZANI (PR); POLESINE PARMENSE (PR); ROCCABIANCA (PR); SISSA TRECASALI (PR);ZIBELLO (PR)

Il nuovo colmo di piena avrà sicuramente valori superiori alla soglia 3 (criticità elevata), mantenendo una prolungata permanenza degli stessi sulle arginature sia maestre che golenali. E' necessaria quindi un'attenta attività di monitoraggio delle arginature al fine di prevenire/intervenire prontamente su eventuali fenomeni di filtrazione/sifonamento.I livelli massimi registrati e previsti e la loro permanenza nel tempo non consentono di escludere criticità localizzate in particolare sulle arginature golenali chiuse".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

  • Verso un lockdown soft dal 9 novembre?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento