Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Tra le dieci regioni individuate dal Ministero della Salute e dall'Istituto Superiore di Sanità c'è anche l'Emilia-Romagna

Ci sono anche Parma e l'Emilia-Romagna tra i territori in cui, secondo il monitoraggio del Ministero della Salute dell'Istituto Superiore di Sanità, il rischio per quanto riguarda le terapie intensive - per l'emergenza Covid-19 - è definito alto. Secondo i dati forniti dal Ministero infatti anche nel nostro territorio - così come in altre 9 Regioni, Abruzzo, Campania, Liguria, Lombardia, Puglia, Sardegna, Toscana, Umbria e Valle d’Aosta - c'è un altra probabilità di superare, nei prossimi giorno, la soglia del 30% delle terapie intensive occupate da pazienti Covid nel prossimo mese. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento