5000 alloggi convenzionati svincolabili, Alinovi: "Un rilancio dell'edilizia"

Con una delibera del Consiglio, il Comune offre la possibilità ai proprietari di 5000 alloggi convenzionati di rimuovere i vincoli per la determinazione del prezzo massimo di cessione per vendere o affittare a libero mercato. Alinovi: "Rilancio economico"

5000 alloggi convenzionati potranno essere svincolati dalla determinazione del prezzo massimo di cessione per permettere l'affitto o la vendita a prezzi congrui. Grazie alla delibera dell'11/2/2014, chi da almeno 10 anni aveva acquistato un immobile convenzionato a prezzi agevolati, ora potrà usufruire della possibilità di rimuoverne i vincoli e aumentarne il valore, per essere poi affittati o venduti a libero mercato. I criteri per calcolare la trasformazione del diritto di superficie stabiliti dalla delibera permettono di calcolare i corrispettivi per la rimozione dei vincoli. I vantaggi, secondo l'assessore Michele Alinovi, riguarderebbero sia i proprietari, che potranno vendere l'immobile a un prezzo intermedio tra quelli dell'edilizia convenzionata e i prezzi di mercato, che gli acquirenti. Rimuovendo i vincoli si liberalizza il corrispettivo dell'eventuale canone d'affitto e del prezzo di vendita portando un aumento di valore dell'immobile che può arrivare sino al 40%.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Puntiamo ad attuare politiche strategiche per rilanciare il comparto dell'edilizia favorendo anche la riqualificazione degli immobili esistenti", sottolinea Alinovi. Per la rimozione dei vincoli sugli alloggi convenzionati occorre sostenere i diritti di segreteria, il versamento di un contributo al Comune secondo i parametri previsti nella delibera e le spese notarili per la stipula di un rogito, un costo che in media si aggira attorno a 5000 euro, ma che può variare a seconda della struttura degli alloggi. Un percorso complesso, come sottolineato da Tiziano Di Bernardo, dirigente settore urbanistica, che porterà a un numero potenzialmente alto di famiglie l'opportunità di valorizzare il proprio immobile anche attraverso la vendita. "Si innesca un meccanismo virtuoso che permette ad alloggi rimasti per lungo tempo fermi di trovare nuovi acquirenti", sottolinea Alinovi. Il provvedimento è stato approvato anche grazie a una convenzione con Acer che offrirà maggiori informazioni attraverso front office e via mail (0521/218232 - rimozionevincoli@comune.parma.it). Per informare i cittadini e rendere note nel dettaglio le modalità di adesione a settembre è prevista una serie di incontri di quartiere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Pestato a sangue per aver difeso un collega: barista di Busseto in ospedale

  • Coronavirus, Parma seconda in regione per numero di casi: 21 in più

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Parma-Krause: in arrivo i milioni degli americani

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento