Alluvione, i volontari e le guardie Ecozoofile in soccorso agli animali in difficoltà

Come a Genova, anche nella città di Parma, allagata lo scorso 13 ottobre dall'esondazione del fiume Baganza, i volontari e le guardie eco zoofile OIPA stanno intervenendo insieme alla Protezione Civile e ai Vigili del Fuoco per trarre in salvo gli animali in difficoltà

Come a Genova, anche nella città di Parma, allagata lo scorso 13 ottobre dall’esondazione del fiume Baganza, i volontari e le guardie eco zoofile OIPA stanno intervenendo insieme alla Protezione Civile e ai Vigili del Fuoco per trarre in salvo gli animali in difficoltà. Moltissime sono le segnalazioni da parte di privati che chiedono aiuto per gli animali dispersi o in pericolo all’interno di recinzioni andate distrutte o nei giardini di proprietà completamente allagati. Gli interventi di messa in sicurezza sono molto difficoltosi non solo per l’inagibilità delle strade, ma anche per il danneggiamento della centralina Telecom, messa fuori uso dall’acqua (in fase di ripristino in queste ore), che ha provocato un black out in tutta la città ancora in corso, mettendo fuori uso le linee telefoniche e internet.

Tantissime le storie degli animali che hanno incontrato sulla loro strada i volontari OIPA: un cagnolino che rischiava di essere sommerso dal fango all’interno di uno scantinato è stato messo in salvo e ora si trova al sicuro presso uno stallo provvisorio; Nerone è stato recuperato stremato in un canale ai bordi di una provinciale allagata; Rocky ha perso la sua casa ed è stato adottato da una guardia OIPA; Mina è stata trovata nell’acqua, terrorizzata, con una corda al collo. Probabilmente tenuta legata, è riuscita a strappare la corda e a scappare prima che arrivasse l’ondata di piena. Lavata e asciugata, è stata accolta presso l’abitazione di un’altra guardia OIPA; Jack, recuperato presso un ristorante che ora è allagato, è in stallo provvisorio presso un volontario. Anche 7 micini trovati immersi nel fango sono stati soccorsi e ora cercano adozione. Per tante vite salvate, purtroppo, anche una spezzata: i volontari erano in procinto di recuperare un gatto in difficoltà, ma la violenza della piena l’ha strappato loro dalle braccia. Sono ore drammatiche e frenetiche, siamo tutti in prima linea, ma le urgenze sono molte.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Bimba di sei anni muore per meningite

  • Schianto mortale in A1: arrestato il pirata della strada che ha travolto l'auto dei quattro giovani

  • CORONAVIRUS: TUTTO QUELLO CHE C'E' DA SAPERE

  • Sbarca a Parma la truffa del finto incidente: "Un giovane si butta sotto l'auto, simulando di essere investito"

  • Tenta una rapina al Centro Torri, poi chiama i carabinieri simulando un'aggressione: denunciato

Torna su
ParmaToday è in caricamento