Montanara, a piedi sulle orme dell'alluvione del Baganza

La mattina di domenica 11 ottobre, molte persone si sono ritrovate in piazzale Fiume per camminare sulle orme dell'alluvione di un anno fa. Un trekking urbano per rivedere i luoghi che il Baganza aveva allagato, ma soprattutto i molti lavori già fatti per riportare la situazione alla normalità

La mattina di domenica 11 ottobre, molte persone si sono ritrovate in piazzale Fiume per camminare sulle orme dell'alluvione di un anno fa. Un trekking urbano per rivedere i luoghi che il Baganza aveva allagato, ma soprattutto i molti lavori già fatti per riportare la situazione alla normalità e i progetti avviati per migliorare ancora.

Organizzati in due gruppi, i partecipanti hanno raggiunto una serie di tappe, dove amministratori, geologi, architetti ed ingegneri hanno spiegato cosa era accaduto il 13 ottobre 2014 e quali soluzioni sono state trovate per evitare che si ripeta un dramma come l'alluvione. A camminare con la gente erano anche il sindaco Federico Pizzarotti, gli assessori comunali Cristiano Casa e Giovanni Marani, il direttore generale del Comune Marco Giorgi, l'amministratore unico dell'Asp Ad Personam Marcello Mendogni.

Tappa centrale del percorso è stato il parco di Villa Parma, dove tutti i convenuti sono stati accolti con un ristoro volante ed hanno potuto ascoltare la presentazione del piano per la riqualificazione del parco di Piazzale Fiume, che intende aprirsi maggiormente a tutta la cittadinanza, per integrare. I podisti si sono ritrovati in piazzale Fiume, per essere poi accompagnati gratuitamente da un bus della Tep in strada Farnese, da dove si sono diretti all’ansa a gomito dove il torrente era esondato un anno fa. Hanno poi  visitato i lavori per nuove arginature lungo il Baganza e per aggiustare il ponte della Navetta. Dopo la sosta a Villa Parma, hanno proseguito verso la Parma, con brevi soste in corrispondenza di elementi di interesse culturale, naturalistico, geologico. La conclusione della manifestazione è stata al campo di atletica Lauro Grossi di via Po, con Villa Parma la struttura pubblica più danneggiata dall'alluvione. L'iniziativa è stata organizzata da GeoProCiv - Geologi della Protezione civile, PassiOn e gli studenti di Geologia dell’Università di Parma. Sempre per ricordare l'alluvione del 2014, martedì 13 ottobre prossimo, l'auditorium dell'edificio Polifunzionale del Campus Universitario ospiterà un convegno organizzato dall'Ordine dei Geologi, dalle ore 9. Ospite principale sarà il noto meteorologo Luca Mercalli.

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino: cosa fare

  • Parma, tappa per BlaBlaBus: si viaggia in tutta Europa

  • Bere alcolici fa male: il vero sballo è dire no

  • Come pulire e igienizzarei bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Tragico schianto in moto contro l'ambulanza, il fidanzato muore: 27enne di Parma in prognosi riservata

  • Tragedia a Colorno: ciclista 54enne cade sull'Asolana e muore

  • Paura per due sorelle di 13 e 12 anni, escono di casa e non rientrano per la notte: trovate dalla polizia

  • Fidenza, consulente finanziaria accusata di irregolarità: blitz della Finanza

  • I banditi assaltano nella notte una villa di Sorbolo, bottino di migliaia di euro: rubate pistole e fucili

  • Cantano e suonano davanti al Teatro Regio, due giovani denunciati: chitarre sequestrate

Torna su
ParmaToday è in caricamento