menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Montanara, il Consorzio di Bonifica interviene con uomini e mezzi all'Ospedale Piccole Figlie

Per fare fronte alla drammatica situazione che si è creata nella zona colpita dall’alluvione in città il Consorzio della Bonifica Parmense ha provveduto a rendere operative in mattinata due pompe idrovore, due gruppi elettrogeni e due escavatori per aspirare l’acqua, il fango e i detriti

Per fare fronte alla drammatica situazione che si è creata nella zona colpita dall’alluvione in città il Consorzio della Bonifica Parmense ha provveduto a rendere operative in mattinata due pompe idrovore, due gruppi elettrogeni e due escavatori per aspirare l’acqua, il fango e i detriti dalle case dei residenti e dall’ospedale Piccole Figlie.
 
Il Consorzio, non avendo in quel territorio specifico alcuna competenza di governo dei flussi delle acque, né tantomeno della manutenzione degli argini e dell’alveo del torrente Baganza, non aveva titolo e possibilità in passato di eseguire lavori in quei tratti per la messa in sicurezza collettiva. Nell’ottica emergenziale della piena sussidiarietà e soprattutto per doverosa solidarietà a chi ha subito ingenti danni l’ente si è messo a servizio dei residenti e della utilità pubblica impiegando sul posto numerosi tecnici e operai già al lavoro dall’alba di oggi. I mezzi trasportati in città nella zona colpita e nell’ospedale Piccole Figlie nei giorni scorsi erano in piena attività in tutti i punti nevralgici della nostra provincia dove il Consorzio della Bonifica Parmense ha continuato le operazioni di drenaggio delle acque e mitigazione dei fenomeni alluvionali.
 
Nel complesso la Bonifica Parmense durante l’emergenza ha pompato ben 800 milioni di litri in poche ore e questo ha garantito che gran parte del capoluogo e la Bassa fossero salvaguardati in tempo utile e che i danni non fossero di dimensioni più ampie.
 
“Il Consorzio – ha commentato il direttore Meuccio Berselli – appena è sceso il livello di pericolo nelle zone dove aveva il compito preciso e l’obbligo di intervenire in un’altra parte della città e in provincia ha portato uomini e mezzi nella zona colpita dove era opportuno correre in soccorso della popolazione. Continueremo fino ad emergenza conclusa”.

 
Il presidente della Bonifica Luigi Spinazzi ha sottolineato: “Chiedo a gran voce un coordinamento tra gli enti. La Bonifica ha più volte posto l’attenzione sulla necessità di realizzare tutte le casse di espansione e non è possibile che i fondi siano anch’essi impantanati in intoppi burocratici. Tutta la mia vicinanza ai residenti e a questi straordinari volontari impegnati a ricucire questa grave ferita tutt’ora aperta visto che il rischio permane fino a che le opere non saranno costruite”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il Giro passa da Parma: ecco le tappe e gli orari

Attualità

L'11 Maggio passa il Giro

Salute

Che cos'è e come combattere la ritenzione idrica

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 43 casi e un decesso

  • Cronaca

    Il piano di Patrick: voleva uccidere anche Maria Teresa

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento