Alta Velocità, Guarnieri: "Qual è lo stato dell'interconnessione di Parma'?"

A stazione quasi completata non si hanno notizie sul progetto per collegarsi con la Mediopadana. "L'interconnessione serve a Parma per recuperare in termini di accessibilità e di collegamenti veloci"

Reggio Emilia inaugurerà a giugno la nuova stazione Madiopadana per i treni ad Alta Velocità. A Parma non ci sarà la stazione dedicata ai nuovi treni superveloci ma nel progetto per il rifacimento della stazione era prevista l'interconnessione  con l'Alta Velocità. Maria Teresa Guarnieri, consigliere comunale di Altra Politica chiede chiarimenti alla giunta Pizzarotti. I lavori per la stazione stanno proseguendo e, secondo gli annunci, saranno terminati a breve. Che fine ha fatto invece l'interconnessione con l'Alta Velocità?

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"La stampa -esordisce Maria Teresa Guarnieri- ha dato recentemente notizia che ai primi di giugno Reggio Emilia inaugurerà la nuova stazione Mediopadana. I treni ad Alta Velocità garantiranno di raggiungere Roma in meno di tre ore, Milano in quaranta minuti e Bologna in venti. Un'importante opportunità per gli imprenditori, i professionisti e gli studenti nostri cugini emiliani. Parma, che negli anni 90 ha perduto questa opportunità, rinunciando alla stazione Mediopadana, ha successivamente cercato di recuperare inserendo nel nuovo progetto della stazione l'interconnessione con l'Alta Velocità.

bbiamo appreso che i lavori della stazione stanno per essere completati, ma non abbiamo notizie chiare sullo stato dell'interconnessione con la stazione Mediopadana e sui tempi di sua attivazione . E' importante che l'Amministrazione informi la città perché l'interconnessione serve a Parma per recuperare in termini di accessibilità  e di collegamenti veloci almeno con le principali città italiane, per favorire occasioni di  sviluppo occupazionale, accessibilità  e attrattiva turistica e culturale. Se vogliamo dare alla nostra città delle nuove opportunità, dobbiamo fare presto. Altrimenti potremmo rischiare di avere una nuova, imponente stazione solo per qualche cigolante e maleodorante treno regionale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, un nuovo Decreto tra domenica e lunedì: chiusura alle 22 e lockdown nel week end

  • Coronavirus: chiusure generalizzate e coprifuoco alle 22

  • Covid: da lunedì 19 ottobre a Parma al via i test gratuiti nelle farmacie

  • Smart working allargato, coprifuoco dalle 22 e chiusura palestre: come potrebbero cambiare le regole anche a Parma

  • Parma, quattro giocatori positivi al coronavirus

  • Allerta terapie intensive: a Parma rischio alto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento