menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ambiente, registrazioni Emas: Parma è la prima città in Regione

I dati sulle certificazioni ambientali per il 2013, elaborati da Ervet confermano l'Emilia-Romagna come una delle regioni più attive in campo ambientale. La nostra città al top con 46 registrazioni

Prima regione italiana per le registrazioni Emas, seconda per le certificazioni Iso14001, terza per le licenze Ecolabel, prima per la dichiarazione ambientale di prodotto. I dati sulle certificazioni ambientali per il 2013, elaborati da Ervet, l'Agenzia regionale per la valorizzazione economica del territorio, confermano l'Emilia-Romagna come una delle regioni più attive in campo ambientale.

Le registrazioni Emas - Con 181 organizzazioni registrate, pari al 16% nazionale, l'Emilia-Romagna si conferma la regione italiana con il più alto numero di registrazioni Emas, la procedura di certificazione ambientale volontaria, adottata da aziende, enti e organizzazioni a livello europeo, fondata sull'autocontrollo e il continuo miglioramento ambientale. Un primato, quello emiliano-romagnolo, che si mantiene anche per il periodo giugno 2012-giugno 2013, nonostante un calo del 10% delle procedure di registrazione. Seguono Lombardia, con il 15% sul totale nazionale e il Trentino Alto-Adige con il 13%.

A livello regionale Parma si conferma la provincia più attiva, con 46 registrazioni, davanti a Bologna con 40 e a Reggio-Emilia con 24. Seguono Modena (19), Ravenna (15), Ferrara (12), Piacenza (11). Forlì-Cesena (11) e Rimini (3). Il principale settore produttivo di riferimento per Emas in Emilia-Romagna resta il comparto Alimentare (60 registrazioni). Seguono i Servizi, in particolare per la gestione dei rifiuti e recupero di materia (52 registrazioni, pari al 28%) e il settore della Pubblica Amministrazione (19 registrazioni, pari all'11%).

- La certificazione ambientale ISO 14001 - L'Emilia-Romagna si conferma seconda, a livello nazionale, nel numero di certificazioni ambientali Iso14001 con 1.879 riconoscimenti pari all'11% del totale nazionale e con un incremento del 10% rispetto al 2012, pari a 170 certificazioni. Il primo posto spetta alla Lombardia (2.950 certificazioni pari al 17% del totale). Terzo il Veneto con 1.666. Nel dettaglio provinciale dell'Emilia-Romagna, la distribuzione resta pressoché invariata rispetto allo scorso anno. Nei primi tre posti si confermano
Bologna (379, pari al 20% del totale), Ravenna (350, 19%) e Modena (224, 12%). Il primo settore per diffusione di Iso 14001 resta il Metalmeccanico (375 certificazioni, pari al 17%). Al secondo posto sale il settore delle Costruzioni (365, 10%) che fa registrare anche il più alto indici di incremento (+95%), seguito dai comparti del Recupero e riciclo (+44%) e della Logistica (+31%).

- Licenze Ecolabel - In Italia sono 313 le licenze Ecolabel valide. Ecolabel è un marchio europeo usato per certificare il ridotto impatto ambientale dei prodotti o dei servizi offerti dalle aziende che ne hanno ottenuto l'utilizzo. Il trend, registrato a giugno 2013, mostra una lieve crescita annua pari al 3%. Le regioni italiane con maggior numero di licenze Ecolabel UE per la categoria prodotti sono Toscana (27 licenze), Lombardia (24) ed Emilia-Romagna (17), che però, nell'ultimo anno, ha fatto registrare una contrazione nel numero di licenze pari al 20%. Le imprese emiliano-romagnole che espongono il marchio Ecolabel sono 23, detentrici di 24 licenze di cui sei assegnate a strutture turistiche e campeggi e 18 rilasciate per i prodotti riferiti a 7 gruppi di prodotti/servizi. Il gruppo di prodotti con il maggior numero di licenze Ecolabel resta quello delle coperture dure per pavimenti, con 11 licenze afferenti a dieci grandi gruppi di aziende produttrici di piastrelle ceramiche. Questo risultato conferisce alla Regione da sempre il primato nazionale per l'Ecolabel del comparto dei Non Metalli.

- Dichiarazione Ambientale di Prodotto - Nella classifica nazionale al primo posto si conferma la Regione Emilia-Romagna
per diffusione di Epd, la procedura che certifica la sostenibilità ambientale di prodotti e servizi, con 48 prodotti/servizi certificati, pari al 36% del totale nazionale e con una crescita del 60% rispetto al 2012. Seguono Lombardia (32 prodotti/servizi EPD, pari al 24%) e (22 prodotti/servizi EPD, pari al 17%). Il principale settore merceologico resta quello Alimentare (56) che nell'ultimo anno ha fatto registrare un
incremento del 93%. Seguono i settori della Gomma, plastica, vetro e chimica (23 ) e Tessile (19). In Emilia Romagna le dinamiche evolutive 2012-2013 per l'EPD sono state molto positive: la crescita annuale si è attestata sul 60% (+18 nuove EPD rispetto alle 30 preesistenti). Le province con il maggior numero di prodotti/servizi certificati sono Parma (34 EPD) e Bologna (7).

- Foreste certificate - La diffusione degli standard di gestione forestale sostenibile a livello nazionale continua a far
registrare trend di crescita positivi; a giugno 2013 risultano certificate 55.550 ettari di foreste e 1.746 certificati di catena di custodia, che significa un incremento annuo del 38% registrato nel periodo giugno 2012-giugno 2013. La Regione con il maggiore numero di certificati FSC è la Lombardia (497, pari al 28% del totale nazionale). Seguono il Veneto (335 certificati, 19%) e l'Emilia-Romagna (154 certificati, 9%), con un incremento del 24%. La Provincia con maggior numero di certificati resta Bologna, con 43 aziende, pari al 28% del totale regionale. Seguono le province di Reggio-Emilia (28, 18%) e di Modena (32, 21%).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Fidenza Village: aperta una cantina con cucina Signorvino

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Ritrovato il corpo di Andrea Diobelli

  • Cronaca

    Montagna stregata: altra vittima sul Marmagna

  • Cronaca

    Coronavirus, a Parma 157 casi 5 decessi

  • Sport

    Ennesima rimonta, il Parma non sa più vincere: con lo Spezia finisce 2-2

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento