Polesine-Zibello: Censi si dimette, Comune commissariato

Dopo il ricorso al Riesame della Procura che ha chiesto il carcere invece dei domiciliari

Andrea Censi si è dimesso dalla carica di sindaco di Polesine-Zibello. Arrestato lo scorso 23 ottobre, travolto dall'accusa di truffa e corruzione, era ai domiciliari per una serie di reati legati all'uso di fondi pubblici per iniziative private. La Procura di Parma aveva già chiesto la custodia cautelare in carcere con la revoca dei domiciliari, perché i reati di cui è accusato sarebbero gravissimi e con il rischio di reiterazione. Il Comune va verso il commissariamento. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Telefonate per cambiare contratti luce e gas: Federconsumatori mette in guardia gli utenti

  • Bomba d'acqua a Parma: allagamenti e disagi alla circolazione stradale

  • Fatture false, società fantasma e fondi di denaro 'occulti' per evadere il fisco, tre arresti: sequestrati immobili di lusso

  • Assicuratore-pusher 37enne gestiva un traffico di marijuana e hashish in Università: quattro arresti

  • Gioca 5 euro e vince 66 milioni di euro: maxi vincita al Superenalotto a Basilicagoiano

  • Lista delle 20 città più belle d’Italia: Fontanellato all'ottavo posto

Torna su
ParmaToday è in caricamento