Termovalorizzarore, l'eurodeputato del Pd Andrea Zanoni: "Contrario all'incenerimento dei rifiuti"

Lettera di Andrea Zanoni, eurodeputato del Pd e candidato nella circoscrizione Nord-Est per le Elezioni Europee: "Sono contrario e il lavoro svolot in Europa ne è la riprova"

La lettera di Andrea Zanoni, eurodeputato del Pd e candidato nella circoscrizione Nord-Est per le Elezioni Europee del prossimo 25 maggio sull'inceneritore di Parma

LA LETTERA. "Un caro amico di Parma mi ha recentemente chiesto se sono ancora contrario agli inceneritori, come se su certe tematiche si potesse cambiare opinione per calcoli elettorali. L’amico, di cui condivido la passione civica, forse non è informatissimo della mia attività di europarlamentare. Seppellire o bruciare i rifiuti è una cosa che l'umanità non si può più permettere a livello planetario, i rifiuti sono una risorsa importantissima che ci consente di risparmiare le risorse naturali sempre più scarse del nostro pianeta. Oggi possiamo riciclare addirittura il 100 % dei rifiuti solidi urbani (si tratta di una definizione italiana per i rifiuti dei cittadini). Esistono, infatti, dei centri di riciclo dei rifiuti dove arrivano i rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata, effettuata con il sistema del “porta a porta”, che riescono a riciclare il 100 % dei rifiuti urbani.

Ho visitato personalmente uno di questi centri, ubicato nella mia provincia di Treviso, nel Nord-Est d'Italia dove da poco si riesce a riciclare anche la bestia nera dei rifiuti urbani,: i pannolini per bambini e i pannoloni per le persone incontinenti. Questo centro, oltre a produrre diverse tipologie di metalli, produce plastica fusa di più tipi e diverse tipologie di sabbia utilizzata dall'industria dell'edilizia e del mobile, materiali molto richiesti ed esportati anche fuori dall'Italia.

I costi di smaltimento dei rifiuti urbani - circa 30.000 tonnellate l’anno di rifiuto pari a circa 100 tonnellate al giorno - in questo centro sono molto convenienti. Inoltre l’impianto, di Vedelago offre lavoro a poco meno di un centinaio di persone. Centri come questi ci consentono di recuperare preziosi materiali a vantaggio dell'economia perché questi materiali vengono rimessi nel mercato risparmiando energia e risorse, a vantaggio del risparmio di risorse del pianeta sempre più scarseggianti, a vantaggio della salute e della tutela dell'aria troppo spesso inquinata dagli inceneritori, a vantaggio delle falde acquifere troppo spesso contaminate dalle discariche, a vantaggio della lotta contro i cambiamenti climatici. Ricordo che in Italia l’Associazione ISDE Medici per l’ambiente lo scorso marzo ha lanciato una campagna per la tutela del latte materno. In Italia, infatti, si sono registrati dei casi di mamme che in seguito all’analisi di laboratorio del proprio latte hanno scoperto la presenza di diossina, queste mamme vivono nei pressi di inceneritori italiani.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche per questo nel novembre 2011 ho chiesto all'Agenzia Europea di Sicurezza Alimentare EFSA che ha sede proprio a Parma di monitorare gli effetti di inceneritori e cementifici su colture e allevamenti, nel maggio 2012 ho partecipato alla conferenza internazionale "Basta all'incenerimento" a Bruxelles, e mi sono pubblicamente schierato contro gli inceneritori esiste di ca del Bue (Verona), quello della società A2A (Brescia) e quello di Bolzano. Il Parlamento e la Commissione Europea devono attuare delle chiare politiche che a livello europeo e mondiale prevedano la definitiva archiviazione degli inceneritori e delle discariche sostituendoli con i centri di riciclo e recupero dei rifiuti. Oggi ci sono valide ed importantissime alternative alle discariche ed agli inceneritori come quella della raccolta differenziata dei rifiuti e del loro riciclaggio. Insomma, lo voglio ribadire per l'ennesima volta: sono contrario all'incenerimento dei rifiuti, e il lavoro svolto in Europa finora ne è la riprova".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Referendum del 20 e 21 settembre: tutte le informazioni sul voto

  • Covid: a Parma sei positività tra il personale scolastico

  • Il Covid torna ad uccidere: muore una donna

  • Il Babbo più Bello d'Italia è il parmigiano Alessio Chiriani 

  • Aereo precipita a Cremona: muore il pilota 54enne di Fontevivo

  • I Nas di Parma fanno chiudere un bar con il 100% dei lavoratori in nero

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento