Basta annusare il 'profumo di uomo' per accendere la guerra tra donne

Lo studio pubblicato sulla rivista 'Public Library of Science' condotto da un'equipe di ricercatori tra i quali Roberto Tirindelli dell'Universita' di Parma, dimostra che basta annusare l'androstadienone per mettere le donne in competizione

Papaleo tra Canalis e Rodriguez

Basta annusare un componente dell'odore corporeo maschile - l'androstadienone - per mettere una donna in competizione con le sue simili. Annusare il 'profumo di uomo' fa questo effetto non solo quando una donna si trova nel suo periodo fertile, ma anche quando il rischio di concepimento e' ridotto. Lo dimostra uno studio pubblicato sulla rivista americana 'Public Library of Science' condotto da un'equipe di ricercatori padovani guidata dal Prof. Umberto Castiello in collaborazione con il Prof. Roberto Tirindelli dell'Universita' di Parma.
foto: fanpage.it

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

  • Verso un lockdown soft dal 9 novembre?

  • Coronavirus: verso un lockdown 'morbido' e la chiusura alle 21

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento