menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cassano: 'Ero malato di sesso, poi mia moglie mi ha guarito'

In un'intervista alla 'Gazzetta dello Sport' il calciatore barese ha confidato quanto sia stato importante incontrare l'amore della sua vita Carolina Marcialis, prima della quale era solito andare a letto con un numero esagerato di donne"

Prima ero malato di sesso, andavo più o meno con tutte. Poi mia moglie mi ha salvato”: questo ha confidato in un'intervista alla ‘Gazzetta dello Sport’ Antonio Cassano, l’attaccante barese noto per le sue doti calcistiche ma anche per la una certa propensione alle ‘cassanate’ che grazie al grande amore per la moglie Carolina Marcialis, ormai sembrano far parte di un passato remoto.

Una love story, la loro, iniziata quando lei ne aveva appena 17, e lui 25: “Che fosse quella giusta” ha raccontato ‘FantAntonio’, “L’ho capito quando mi ha fatto aspettare un mese e mezzo prima di darmi un bacio a stampo. Forse non mi aveva ancora baciato e già avevo capito che con lei avrei fatto dei figli”. 

Ed è proprio così, in effetti, che è andata, considerato il matrimonio avvenuto nel 2010 e i due figli Lionel e Christopher arrivati in seguito: “Di donne ne ho avute tante, ma si trattava di una sorta di frenesia che probabilmente nascondeva una grande inquietudine” ha ammesso il calciatore reduce dalla sua avventura con il Parma è pronto a tornare in campo nella prossima stagione sperando di indossare anche la maglia della Nazionale azzurra. 

"Carolina è stata la mia dottoressa, perché mi ha fatto guarire" ha spiegato ancora, "Prima stavo più o meno con tutte: da 1 a 10, il voto alla prestazione se volevo era 10 abbondante. La cosa durava due o tre ore”, rivelando i dettagli della sua ‘prima volta’ avvenuta quando aveva 14 anni: “Non ricordo il suo nome e neanche la faccia: ci eravamo chiusi dentro uno sgabuzzino e c’era puzza da vomitare”. 

Insomma, prima di incontrare la Marcialis, Cassano contava avere più donne possibili e ora che con lei è cambiato tutto, anche il desiderio di voler allargare ulteriormente la famiglia si è fatto largo nel suo spirito di papà ormai navigato: “Mi piacciono troppo i bambini, per ora sono due, io ne voglio altri due o tre, infatti siamo sempre al lavoro”.  E chissà che presto non arrivi la notizia di una ‘tripletta’ bella come questa…

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Ponte Verdi sul Po: chiusura totale domenica 28 febbraio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ParmaToday è in caricamento