Appennino, linee saltate e paesi isolati. Fellini: "Situazione preoccupante"

L'assessore provinciale al termine del sopralluogo nel bercetese: "Il gelo della notte scorsa ha fatto crollre alberi su molte strade. Abbiamo chiesto l'intervento della protezione civile e dei vigili del fuoco"

La situazione è preoccupante”. Così l’assessore provinciale alla Viabilità Andrea Fellini al termine del sopralluogo compiuto oggi nel bercetese, nelle frazioni di Corchia, Bergotto e Monte Fagiolo, insieme all’ingegner Michele Giordani del Servizio Protezione civile della Provincia e al sindaco di Berceto Luigi Lucchi. Un sopralluogo volto a rendersi conto delle conseguenze degli eventi meteoclimatici della notte scorsa. A causa del ghiaccio numerosi alberi sono infatti caduti sulle strade comunali e provinciali, rendendo difficoltosa e in alcuni casi impossibile la viabilità. In alcuni casi, oltre che nel Bercetese, anche nel bedoniese ci sono state frazioni isolate (Illica, Casaleto, Casale di Illica) e sono “saltate” le linee elettriche e quelle telefoniche.

Gran parte del territorio appenninico è fortemente colpita da preoccupanti situazioni di dissesto idrogeologico. A questo si somma il “gelicidio” della notte scorsa, che ha comportato il crollo di alberi su strade comunali e provinciali isolando intere frazioni, da Berceto a Bedonia. Per questo abbiamo chiesto l’attivazione della Protezione civile, che insieme al personale del Servizio Viabilità della Provincia, al personale dei Comuni interessati, ai tecnici Enel e ai Vigili del Fuoco continua a lavorare per ripristinare la rete viaria e prestare eventuali soccorsi ai cittadini in difficoltà.

Ora la situazione sta lentamente migliorando: la rete viaria provinciale è tutta percorribile, mentre i Comuni stanno lavorando per ripristinare quella locale”, dice ancora Fellini, che aggiunge: “Siamo stremati e molto arrabbiati. Il governo taglia i fondi agli enti locali, che da soli non possono farcela a fronteggiare le ormai continue emergenze. E ancora una volta a pagarne le conseguenze sono i cittadini. Come i Comuni stiamo facendo del nostro meglio, ma è urgente che vengano messi a disposizione fondi per far fronte alle emergenze ma soprattutto per interventi definitivi di ripristino e messa in sicurezza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schiantano in auto contro un tir in A1: muoiono una 24enne incinta e il suocero 76enne

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

  • "Fascista di m... ti prendo a schiaffi": candidata della Lega aggredita e minacciata a Sissa

  • La psicosi della banda armata di spranghe: ma è solo una fake social

  • Più di mille giovani a Noceto per un rave in un capannone abbandonato

  • Fontanellato, operaio investito da un muletto: 59enne gravissimo al Maggiore

Torna su
ParmaToday è in caricamento