Al via la campagna Arcigay: tra i testimonial una lesbica di Parma

Tra le testimonianze video, anche quella della parmigiana Valeria che racconta: "Ho fatto finta di niente, mia mamma mi ha ripetuto la domanda, Valeria me lo diresti? Sì. Ma lo sei? E io: sì"

Valeria per la campagna Arcigay

Vanda, Valeria, Marco e Mariella, ovvero due mamme, una ragazza lesbica e un professionista gay: sono i testimonial della campagna "Storie - racconti di ordinaria diversita", nata dall'incontro tra Arcigay e Draftfcb per una campagna nazionale di sensibilizzazione sul tema della diversità e della serenità di vivere visibilmente l'essere gay o lesbica oggi in Italia. La campagna di street casting, avviata nel mese di novembre, ha raccolto le video-testimonianze spontanee di giovani e meno giovani omosessuali, ma anche quelle di alcuni genitori e il racconto delle loro vite insieme.

"E' finalmente una campagna che va direttamente al cuore degli eterosessuali e che narra, fuori dallo stereotipo, la serenità che molti di noi vivono oggi - spiega Paolo Patané, presidente di Arcigay - sono sicuro che la campagna, che crea immediata identificazione, risolverà molti dei dubbi di coloro che faticano a confrontarsi con noi. Inoltre aiuterà molti gay e lesbiche che hanno ancora il terrore di raccontarsi. Sognavamo da tempo di poter parlare al ventre del paese, su settimanali, quotidiani e riviste a grande tiratura e di aprire un canale di dialogo sul web". L'apertura al dialogo, all'ascolto, direttamente dalle voci di cittadini e cittadine italiane che si dicono diversamente uguali: dai loro racconti emerge il messaggio che essere omosessuali non significa essere diversi ma, al contrario, avere una vita uguale a molte altre, una vita fatta di famiglia, affetti, lavoro e amici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

VIDEO: GUARDA LA TESTIMONIANZA DI VALERIA DI PARMA

"Il silenzio uccide l'identità sia come madre che come figlio" dice infatti Vanda, una delle due mamme protagoniste dei video-racconti o ancora, "la condizione di omosessuale se vissuta in modo tranquillo, corretto, non comporta un limite o un problema in quella che può essere la vita professionale" dice Marco, gay e affermato professionista. C'é poi Valeria, una ragazza lesbica che vive e lavora a Parma e che racconta: "Ho fatto finta di niente, mia mamma mi ha ripetuto la domanda, Valeria me lo diresti? Sì. Ma lo sei? E io: sì". Infine Mariella, una mamma di Roma, racconta come è essere madre di una ragazza che ama le ragazze: "Per me mia figlia non è cambiata, la amo davvero tanto, soprattutto adesso, perché so chi è. Essere lesbica, essere omosessuale è un fatto naturale, l'essere non cambia". Il sito www.diversamenteuguali.org ha uno spazio per commentare e inviare le proprie video-storie, un modo per alimentare la discussione intorno ai temi più comuni che riguardano il mondo omosessuale, dal coming out in famiglia, agli affetti al lavoro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo decreto: ecco tutte le regole in vigore a Parma da domani

  • Nuovo Dpcm entro il 9 novembre: stretta sulla attività commerciali e gli spostamenti interregionali

  • Pauroso frontale a Castione Baratti: muore una 22enne di Lesignano

  • Nuovo Dpcm in arrivo: cosa cambia a Parma e provincia

  • Verso un lockdown soft dal 9 novembre?

  • Covid: verso un nuovo Dpcm per il lockdown?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ParmaToday è in caricamento